Mar. Ago 16th, 2022

Lo scorso settembre, in provincia d’Abruzzo, sulla costa italiana, un uomo ucraino di 41 anni e un suo amico sono andati a nuotare in mare. Sedici ore dopo, a causa delle condizioni metereologiche sfavorevoli, il corpo è stato trovato incastrato tra le rocce ed è stata disposta l’autopsia.

L’uomo fu dichiarato morto per annegamento. A causa dell’attuale situazione pandemica, non avendo informazioni sulla possibile positività ante mortem al SARS-CoV-2 dell’uomo, che è stato descritto come completamente asintomatico, è stato effettuato un tampone nasofaringeo post mortem prima dell’autopsia, secondo le attuali linee guida. Il tampone ha identificato la positività al SARS-CoV-2.

I dati circostanziali e l’ispezione esterna del cadavere hanno permesso di considerare la morte compatibile con l’annegamento. A causa delle pendenti autorizzazioni alla sepoltura, la salma è stata trattenuta nell’obitorio dell’Ospedale di Chieti, nel rispetto delle linee guida sulla gestione del deceduto SARS-CoV-2. Il periodo di attesa ai ricercatori ha permesso di seguire l’evoluzione della positività del virus eseguendo più tamponi nasofaringei. Sul cadavere sono stati eseguiti ventotto tamponi nasofaringei.

La raccolta dei campioni è stata sempre eseguita dallo stesso team, adeguatamente preparato e con procedure standardizzate come da linee guida internazionali e protocolli stabiliti. Una storia triste, ma nessun mistero medico tranne che per quasi sei settimane intere dopo la sua morte, il suo corpo è stato trovato positivo al virus non meno di 28 volte.

I ricercatori coinvolti in questo caso affermano che questa notizia è una scoperta cruciale per i patologi. Ancora più bizzarro è il fatto che prima della morte l’uomo fosse “completamente asintomatico”, ha scritto il team in uno studio pubblicato sul BMC Journal of Medical Case Reports e riportato sul sito web di iflscience, molto probabilmente aveva una carica virale abbastanza bassa quando è morto.

Questo caso riguarda una delle tante domande sollevate durante la pandemia: le persone muoiono a causa del COVID-19 o con esso? Il rapporto rileva che questo risultato riflette l’importanza dei test in tutti i casi post mortem e non solo nei decessi, dimostrando che i patologi dovrebbero verificare la presenza di particelle di virus “molto tempo dopo il momento della morte, anche se è stata valutata una bassa carica virale iniziale”.

Ciascuno dei test è risultato positivo. Il personale ha persino ricontrollato ciascuno di essi con un diverso set di reagenti (agenti chimici reattivi), per ogni evenienza. E non solo le particelle del virus erano rilevabili per quasi sei settimane dopo la morte, ma fino alla fine del periodo di prova erano le uniche particelle che potevano essere identificate. Infatti, dopo 41 giorni, questi test non hanno più assorbito l’RNA umano.

Ciò significa che i test del virus erano ancora positivi, mentre le cellule umane sono diventate irriconoscibili. Il case report ha reali implicazioni per il trattamento dei cadaveri durante la pandemia. Mancano dati sulla presenza del virus sui cadaveri e sul rischio di infezione dai cadaveri. Questo è un problema perché “effettuare un’autopsia post mortem mette in contatto diversi gruppi di lavoratori (patologi, tecnici e così via) con una possibile fonte di rischio biologico, con conseguenze non solo dal punto di vista sanitario ma anche medico”, si legge.

Questo non è il primo caso in cui il virus si trova da molto tempo nel corpo di una persona morta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Circa un anno e mezzo fa, i ricercatori del Regno Unito hanno eseguito un’autopsia sul corpo di un uomo di 50 anni morto per COVID-19. Ventisette giorni dopo la sua morte il virus è stato rilevato nei suoi polmoni.

Questo nonostante il lungo tempo trascorso e i tamponi al naso e alla gola eseguiti subito dopo la sua morte sono risultati negativi. E per quanto riguarda l’uomo ucraino, finalmente è arrivato il suo permesso di sepoltura, che insieme a quello che gli scrittori descrivono come “lo stato di decomposizione del corpo”, ha finalmente portato alla conclusione dello studio.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI