Ven. Ago 12th, 2022

Ferma ed incondizionata condanna da parte dell’Amministrazione Comunale per l’azione di vandalismo perpetrata all’interno della Villa Comunale.

Nel primo pomeriggio di ieri ignoti hanno intenzionalmente appiccato fuoco al gelsomino rampicante che adorna il caratteristico “tunnel dell’amore” posto nei pressi della vasca dei cigni.

Il fuoco ha distrutto la copertura superiore e danneggiato seriamente le piante ai lati del tunnel.

L’Amministrazione Comunale, nel ribadire il proprio impegno concreto nella lotta a tutte le azioni volte a deturpare il patrimonio pubblico, esprime il proprio sdegno e condanna per l’inqualificabile atto con cui è stato vilmente danneggiato un bene sottoposto a tutela storica e ambientale.

Inoltre auspica che le competenti autorità facciano piena chiarezza su un fatto così increscioso manifestando piena disponibilità a contribuire affinchè si possano individuare i responsabili del vile episodio, proponendo fin da ora, che l’Ente si costituisca parte civile nell’eventuale procedimento.

Non è tollerabile che atti vandalici possano continuare impunemente ad essere perpetrati, offendendo il senso di appartenenza e l’immagine di tutta la comunità.

Il reiterarsi di questi comportamenti provoca rabbia ed avvilimento se si pensa che poi si deve ricorrere a soldi pubblici per rimediare i danni provocati da un’insignificante minoranza di soggetti che non sanno vivere secondo le più elementari regole della civile convivenza.

L’Amministrazione Comunale rassicura comunque che proseguirà lungo il percorso avviato che prevede un costante e sempre crescente impiego di risorse ed energie per migliorare la qualità di vita dei nostri concittadini.

Non basteranno le bravate di pochi sconsiderati a rendere vani gli sforzi sin qui fatti o ad impedire di perseverare in questa direzione.

Infatti, nella mattinata odierna il personale addetto al Verde pubblico ha prontamente ripristinato il gelsomino rampicante per ridare decoro al tunnel che richiama dolci ricordi ad intere generazioni di giovani.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI