Dom. Giu 26th, 2022
Featured Video Play Icon

Si è tenuto nella sala del consiglio comunale un incontro tra il sindaco Salvatore Fuda e i co-presidenti dell’Us Gioiosa Fabio Pisano e Rocco Novembre.

L’incontro si è reso necessario dopo che la società calcistica aveva espresso le proprie perplessità sul futuro, agli sgoccioli dell’ennesima stagione durante la quale non si è potuto utilizzare lo stadio comunale per disputare partite ufficiali. All’incontro era presente anche Vincenzo Logozzo, presidente della Consulta delle associazioni che ha seguito sempre da molto vicino la questione.

Da circa un decennio, com’è noto, tutte le società sportive gioiosane sono obbligate a disputare le gare casalinghe in altri impianti, con un corposo esborso economico

Ora sembra che finalmente questa situazione sia vicina ad essere risolta: «Siamo consapevoli – ha detto il sindaco Fuda – dei disagi legati alla possibilità di utilizzare lo stadio solo per gli allenamenti ma qualcosa si sta muovendo. Ieri sono arrivati i cancelli e la recinzione, e la ditta si è già messa a lavoro per montarli. Mi dispiace che ci siano state polemiche ma credo che dopo l’incontro che abbiamo avuto siano sopite. In quell’occasione ho avuto la possibilità di aggiornare i rappresentati della società Us Gioiosa dello stato dell’arte dei lavori e dei motivi che ci hanno portato ad accumulare questi ritardi legati principalmente a problemi tecnici e burocratici che ci hanno fatto disperare, ma alla fine siamo riusciti a risolverli. Per far fronte alle spese necessarie per rendere l’impianto di nuovo utilizzabile – ha detto ancora Fuda – abbiamo recuperato dei soldi dal bilancio comunale, un contributo di tremila euro ci è stato attribuito dalla Città Metropolitana e abbiamo dovuto anche rinegoziato un mutuo di 70 mila euro riuscendo a mettere insieme la cifra necessaria per i lavori di adeguamento».

«Ormai la stagione è giunta alla fine – conclude il sindaco – mi auguro che la squadra riesca a salvarsi e che il primo impegno della nuova stagione si giochi nel nostro campo».

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI