Sab. Lug 2nd, 2022
Featured Video Play Icon

La Metro City ha redatto direttamente 5 proposte: mobilità integrata con 12 milioni di euro, 5 milioni per la rifunzionalizzazione ecosostenibile degli immobili controllo flusso dei dati (2 milioni), piattaforma digitale per il welfare (1,5 mln), biodiversity per la ricerca (1 mln).

Poi gli altri progetti dei comuni presentati di concerto con la Metro City nell’ambito del progetto del Pnrr: in città 20 milioni per riqualificare l’area del Parco lineare sud e della Sorgente, 9,7 milioni per la fascia costiera Locri-Siderno, altri 6,5 milioni per il recupero di immobili abbandonati tra Villa San Giovanni e Campo Calabro, sei milioni per ristrutturare i lungomare di Caulonia, Gioiosa Ionica e Roccella, a Gioia Tauro nascerà un habitat per farfalle e cardellini (5,8 mln), nuove aree verdi previste a Bovalino (5,6 mln), 4 milioni arriveranno per la fascia costiera a Palmi, altri cinque per il parco della vallata del Torbido, Bova Marina punta su un polo di inclusione con 3,8 mln, stessa cosa a Seminara con 3,3 mln, nuovi parchi pubblici a Feroleto della Chiesa (2,8 mln), stessa idea a Cittanova con 2,6 milioni, a Cinquefrondi un parco nell’area degradata di via Vallone (2,5 mln), uguale finanziamento per recuperare zone degradate a Roghudi e Melito Porto salvo, e per Scido per interventi di efficientemente energetico, ben 2,8 milioni andranno a Riace, Bivongi, Monasterace, Placanica, Camini, Stilo e Stignano per riqualificazione urbana. Interventi sul torrente Jarapotamo a Polistena (2,1 milioni), nascerà un percorso ecosostenibile a Cardeto con due milioni, si punta sulla costa anche nei comuni di Montebello Ionico e Motta San Giovanni con 1,8 milioni, interventi di inclusione anche a Samo, Bianco, Casignana, Sant’Agata del Bianco, Caraffa del Bianco e Bianco con 1,8 milioni, rigenerazione della fascia costiera anche lungo la foce del Mesima tra San Ferdinando e Rosarno con 1,6 milioni, a Staiti 1,5 mln per interventi di recupero urbano e infine 1,2 milioni a Taurianova per il recupero di un’area in disuso per trasformarla nel “Parco dell’Amicizia”.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI