Ven. Ago 19th, 2022

Il team bianconero si mostra con maggiori motivazioni e ha vita facile nel secondo tempo

La Reggina cade ad Ascoli, senza attenuanti e dice addio, matematicamente, alla rincorsa all’ottava posizione. Secco 2-0 dell’Ascoli di Sottil che legittima la propria classifica e il netto vantaggio in termini di punti rispetto al team guidato da Roberto Stellone. Le ultime quattro partite dell’annata saranno di pura accademia per gli amaranto.

Tanti calci e poco calcio nei primi 45′

Gara sin troppo maschia nella prima frazione di gioco, ben sette gialli alzati dall’arbitro, pochissimi tiri in porta e pochissima qualità. Un risultato che comunque sta bene alla squadra di Stellone, che strapperebbe il quarto risultato utile fuori casa. Al 22′, colpo di testa di Folorunsho sugli sviluppi dell’angolo, palo pieno a Leali battuto!

Tre minuti dopo, botta di sinistro da fuori di Caligara, sfera di poco a lato alla sinistra di Turati. A tratti la sfida assomiglia ad un match di wrestling e lotta greco-romana, le due squadre non si risparmiano in interventi sora le righe.

Nel finale due squilli dei ragazzi di Sottil. Al 48′, sinistro a giro di Bidaoui, Turatio respinge, Salvi da due passi viene anticipato da Bellomo al momento di battere a rete! Dopo tirata di testa da pochi passi di Botteghin, dopo uscita a vuoto di Turati e palla a lato.

Amaranto restano negli spogliatoi, l’Ascoli passa facile

La Reggina resta ferma ai blocchi, la squadra marchigiana ne approfitta e si prende tre punti decisivi per l’accesso ai playoff. Reggina oramai senza obiettivi, le ultime quattro gare serviranno solo per tenere alto l’orgoglio.

Sottil mette Maistro, che fa cambiare marcia ai suoi. Al 55′, sinistro dalla media distanza di Caligara, che angola la palla lì dove Turati non può nulla, la sfera picchia sul legno e termina nel sacco, vantaggio bianconero.

Al 63′ Turati evita il 2-0. Maistro fa ammattire la difesa amaranto, palla fuori per Buchel, destro del centrocampista bianconero e Turati alza in angolo.

Due minuti dopo 2-0 che arriva con il destro a giro di Bidaoui, che fulmina l’incolpevole Turati.

Al 73′ l’Ascoli ad un passo dal 3-0. Maistro iradiddio a sinistra, pallone dal fondo in area per Saric, che prova a concludere in caduta, respinge Cionek con il corpo, la palla resta in area e Dionisi va alla conclusione, Turati chiude in angolo.

Nel finale girandola di cambi, l’Ascoli conserva energie, la Reggina fa solo trascorrere il tempo. Al 92′ il secondo legno del pomeriggio per gli amaranto: bel destro a giro dal vertice dell’area di Cortinovis, palo pieno e il risultato non cambia.

Tabellino e voti

ASCOLI-REGGINA  2-0  (55′ Caligara, 66′ Bidaoui)

ASCOLI (4-3-3): Leali sv; Salvi 6, Bellusci 5,5, Botteghin 6, Falasco 6,5; Collocolo 5,5 (45′ Saric 6,5), Buchel 6,5, Caligara 7 (80′ Eramo sv); Ricci 5 (61′ Maistro 7,5); Dionisi 6 (82′ Iliev sv), Bidaoui 7 (80′ Paganini sv). a disposizione: Guarna, D’Orazio, Tavcar, Baschirotto, Quaranta, De Paoli, Fontana. Allenatore: Sottil 7

REGGINA (3-5-2): Turati 6; Aya 5 (78′ Cortinovis sv), Cionek 5, Stavropoulos 5,5; Giraudo 5 (60′ Kupisz 5), Folorunsho 5, Crisetig 5,5, Hetemaj 5,5, Bellomo 5 (60′ Lombardi 5); Ménez 5 (78′ Tumminello sv), Montalto 5 (60′ Rivas 5). a disposizione: Micai, Amione, Loiacono, Bianchi, Ejjaki, Denis, Galabinov. Allenatore: Stellone 5

arbitro: Di Martino di Teramo        assistenti:  Muro – Robilotta M.    IV uomo: Nicolini

VAR: Minelli           AVAR: Lanotte

ammoniti: Bellusci, Caligara, Collocolo, Buchel (A), Menez, Stavropoulos, Montalto, Cionek, Folorunsho, Hetemaj (R)

espulsi: –

note, corner: 5-3; recupero: 2′ pt, 3′ st; spettatori: 4891, incasso 53465,40 euro

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI