Mar. Mag 17th, 2022
Featured Video Play Icon

“Ripartiremo più forti di prima”.

Così il presidente del Crotone Gianni Vrenna ha spiegato – dopo un lungo silenzio stampa – le sue intenzioni dopo la retrocessione in Serie C.

Un messaggio che arriva a rassicurare la piazza ma che annuncia anche un rinnovamento assoluto sia per la guida tecnica ma anche per l’organigramma societario.
La principale notizia è l’addio di Beppe Ursino, storico direttore sportivo che lascia il club dopo 27 anni condivisi con Vrenna. “Ursino ha pensato che la sua era è arrivata al capolinea – ha detto Vrenna -, ha espresso questa volontà. 27 anni non si possono cancellare, stima e affetto nei suoi confronti rimane sempre lo stesso. Continuerò a chiedere consigli”. In società dovrebbe rientrare Raffaele Vrenna, figlio del presidente attualmente dirigente della Pro Vercelli. Voci che il patron del Crotone ammette: ” Con mio figlio ho un attimo rapporto, ci incontreremo in questi giorni e penso che possa darmi una grande mano”.
Riguardo il campionato conclusosi con la retrocessione, Gianni Vrenna si assume le principali responsabilità. “Le colpe principali – ha detto – sono le mie e me le prendo in pieno. Ma sono convinto che questa squadra non meritasse di chiudere così in basso ma quantomeno di arrivare al playout. E non averlo raggiunto è davvero vergognoso. Purtroppo è accaduto di tutto, e la scelta tecnica si è rivelata sbagliata. Non arrivare neppure quartultimi è stato vergognoso. Avrei dovuto prendere decisioni drastiche prima ma sono stato ingannato da alcune prestazioni rimaste purtroppo lampi isolati”.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI