Sab. Lug 2nd, 2022

Nei giorni scorsi, sabato 14 e domenica 15 maggio, il Teatro Palazzo della Cultura di Locri si è visto inondato di piccoli talenti e giovani promesse della musica provenienti da tutta la regione e oltre, per partecipare al Concorso Nazionale Senocrito “Città di Locri” giunto quest’anno alla quinta edizione, organizzato dall’Accademia di Musica, Lettere e Arti Senocrito in collaborazione con l’amministrazione comunale di Locri. Attraverso queste iniziative l’Accademia contribuisce notevolmente ad incrementare i flussi turistici, in particolare legati al mondo musicale, contando quest’anno oltre 500 giovani iscritti.

Dopo due anni di stop causa pandemia, fondamentale è stato il ritorno in presenza, come sottolineato dal Presidente dell’associazione organizzatrice M° Saverio Varacalli, soprattutto per i tanti giovani che durante i vari lockdown hanno dovuto seguire le lezioni di strumento online con non indifferenti difficoltà.

Il desiderio di rimettersi in gioco è stato dimostrato dal gran numero di partecipanti che con entusiasmo hanno preso parte al Concorso, a partire dalle scuole provenienti da tutto il territorio calabrese; tra queste, infatti, è stato riscontrato un alto livello musicale e una carica emotiva travolgente, segno di un grande legame con la musica e di volontà di rinascita.

Numerose sono state le borse di studio assegnate. Ricordiamo quella della sezione orchestra vinta dall’Istituto Comprensivo “F. Pentimalli” di Gioia Tauro con una votazione di 100/100. Novità di quest’anno è l’introduzione delle sezioni dedicate al coro e all’orchestra con coro, entrambe riferite alle scuole secondarie di I grado; vincitori assoluti nella sezione coro sono stati gli studenti dell’Istituto Comprensivo “De Amicis Bolani” di Reggio Calabria. Non sono mancati i solisti che hanno dato prova delle proprie capacità davanti ad una commissione composta da musicisti di chiara fama, presieduta dal M° Alessandro Tirotta.

Grande soddisfazione dunque al termine di questa quinta edizione del Concorso Senocrito, fiduciosi che il palco locrese possa essere trampolino di lancio per i giovani talenti che si sono esibiti e con l’augurio di una maggiore diffusione di una cultura musicale di qualità su tutto il territorio.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI