Mer. Giu 29th, 2022

«Invogliare i bambini delle scuole elementari a frequentare la biblioteca comunale come sede di confronto, conoscenza, produzione culturale. Metterli nelle condizioni di leggere e studiare in maniera creativa; stabilire con loro un rapporto di ascolto e fiducia; avvicinarli al centro storico e alla biblioteca come luoghi della memoria, della lentezza e della riflessione. Sono queste le intenzioni dell’amministrazione guidata da Rosaria Succurro e del mio assessorato». Fa il punto Antonello Martino, assessore alle Attività culturali del Comune di San Giovanni in Fiore, a conclusione di un lungo programma di incontri dedicato ai bimbi delle scuole elementari, di cui è prevista la prosecuzione nelle prossime settimane. «Hanno aderito pressoché tutti gli istituti scolastici locali. Le prime e le seconde classi – riassume Martino – sono venute in biblioteca a leggere delle fiabe e a raccontarle, poi, attraverso disegni colorati. Con le terze e le quarte abbiamo approfondito il tema dei diritti umani, sociali e civili. Con le quinte, invece, abbiamo parlato di Gioacchino da Fiore, della sua attualità, della sua presenza nel territorio silano. È stata una bellissima esperienza, molto riuscita, anche con visite guidate in Abbazia florense e dintorni. I bambini si sono sentiti a loro agio e hanno dimostrato grande curiosità e vivacità intellettuale. Molti di loro si stanno organizzando per venire a studiare in biblioteca nel fine settimana, approfittando dell’apertura nella giornata di sabato. In estate continueremo con altre attività formative, grazie alla professionalità e disponibilità del personale in servizio». «Insieme alla sindaca Succurro, riteniamo essenziale – conclude l’assessore Martino – contribuire allo sviluppo del giudizio critico giudizio dei minori e quindi lavorare con le scuole per tutelare, promuovere e valorizzare il nostro territorio».

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI