Sab. Dic 3rd, 2022

Più di vent’anni fa, il Consiglio d’Europa decise di istituire una giornata tutta dedicata al pluralismo linguistico del vecchio continente, che continua ad essere celebrato ancora oggi con eventi e manifestazioni organizzate in tutta Europa.

Dal 2001, il primo anno europeo delle lingue, questa giornata ha fatto parecchia strada ed è stata occasione per incoraggiare e mantenere il multilinguismo che da sempre è segno distintivo dell’Unione. Altro importante obiettivo della giornata è quello di sensibilizzare circa la necessità di ampliare la gamma di lingue apprese nel corso della vita.

Anche Marija Pejčinović Burić, Segretario Generale del Consiglio d’Europa, ha ribadito l’importanza dell’iniziativa, affermando che “La Giornata europea delle lingue ci ricorda che tutte le voci contano e che insieme possiamo superare le barriere linguistiche e culturali nelle nostre società”.

Anche il Liceo Mazzini ha preso parte alla giornata con una vera e propria festa dedicata a tutte le lingue studiate. Ricordiamo che al Mazzini è attivo da più di trent’anni un liceo linguistico di prestigio, che infonde nei suoi allievi la cultura dell’apertura e dell’accoglienza. Nell’auditorium sono stati allestiti degli stand e proiettati dei video riguardanti tutte le lingue previste dal piano di studi (inglese, francese, spagnolo e tedesco), ma anche a due lingue che, grazie a numerosi progetti PON, hanno conquistato il cuore degli studenti, il cinese e l’arabo, segno che l’amore per le lingue e per la scoperta di nuove culture non ha davvero confini e può essere la chiave che permetterà alle generazioni future di costruire un mondo migliore, fatto di integrazione e comprensione.

Maria Antonietta Reale | redazione@telemia.it

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email