Mar. Gen 31st, 2023
Featured Video Play Icon

Nelle intercettazioni decine di episodi di avvistamento. “E’ pieno di finanzieri”

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

“Cani lordi ’ncappucciati”: è con questo appellativo, “cani”, che i portuali “infedeli” incaricati dalle ’ndrine di intercettare, dietro lauti compensi, le partite di droga provenienti dal Sud America, indicavano con spregio i militari della GdF che pattugliavano costantemente l’area portuale battendola palmo a palmo.

Il dato emerge dall’ordinanza di custodia cautelare eseguita giovedì scorso dalle Fiamme Gialle, su input della Dda di Reggio: in uno dei sopralluoghi effettuati per recuperare un carico di coca nel piazzale, i portuali Zambara e Bagnoli dall’alto degli SC (Straddle Carrier) su cui si trovavano, addirittura documentavano con delle foto trasmesse ai sodali nella chat di gruppo la presenza delle forze dell’ordine a presidio dei container. Ciò allertava talmente il gruppo che, dall’esterno, Francesco Giovinazzo, nipote di Salvatore Copelli, ricoprendo un ruolo di responsabilità nei confronti della “squadra” di operai, li invitava a rinunciare all’azione mettendosi in un luogo sicuro, ponendo l’accento sull’importanza rivestita dai portuali per il prosieguo degli affari, e pertanto sulla necessità che questi preservassero la loro incolumità («Vi siete spostati… vi siete messi al sicuro… che a noi la cosa principale siete voi… e la vostra incolumità… tutti noi sappiamo il vostro valore e che non vi fermate davanti a nulla! Ma la prima cosa è portare la pelle sana a casa diversamente abbiamo perso tutti»).

Facebook Comments
42 Views
Print Friendly, PDF & Email