Lun. Apr 15th, 2024

Le motivazioni della Corte d’Appello per l’assoluzione dell’ex consigliere regionale Cosimo Cherubino. Secondo i giudici mancano riferimenti rispetto alla ricostruzione della Dda sia sull’affiliazione alle ’ndrine sia sul suo eventuale concorso esterno

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

«Occorre prendere atto della mancata prova della formale affiliazione dell’imputato Cherubino, che va letta, necessariamente, in uno con la mancata contestazione di singoli reati-fine». È quanto scrivono i giudici della Corte di appello di Reggio Calabria nelle motivazioni della sentenza del processo “Falsa Politica” che si è concluso con l’assoluzione di Cosimo Cherubino, ex consigliere regionale della Calabria, già condannato in primo grado a 12 anni di reclusione “quale partecipe della cosca Commisso” di Siderno.
I giudici reggini, (presidente Giancarlo Bianchi, consiglieri Elisabetta Palumbo e Davide Lauro), hanno scritto nelle motivazioni: «La mancata prova circa la formale affiliazione si pone in evidente continuità dimostrativa con le numerose conversazioni in cui, sebbene si stesse discutendo con altri accoliti, né il Mastro (ndc. Giuseppe Commisso alias “Mastro), né i suoi interlocutori indicavano nel Cherubino un affiliato o comunque lo descrivevano tale».

Print Friendly, PDF & Email