Dom. Apr 14th, 2024

“Giusto fare tamponi a passeggeri ma soprattuto la sorveglianza virologica”

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

“Oggi in Occidente la situazione Covid è completamente differente rispetto a tre anni fa. Ma quello che sta accadendo in Cina impone prudenza visto l’altissimo numero di contagi”. Così all’Adnkronos Salute Claudio Mastroianni, professore ordinario di Malattie infettive all’Università Sapienza di Roma e presidente della Società italiana malattie infettive e tropicali (Simit). “Quindi credo sia utile fare i tamponi ai passeggeri provenienti dalla Cina ma soprattutto è importante sequenziare e capire se stanno circolando nuove varianti. Questo virus ci ha sempre sorpreso quindi non va sottovalutato: in Cina c’è una ‘zuppa di Omicron’ con tante sottovarianti. Quindi è chiaro che serve fare una sorveglianza virologica su questa nuova situazione che può evolvere in nuove varianti. Servirebbe però un lavoro coordinato di tutta l’Europa sul fronte Cina”.

“Dopo le festività c’è sempre un aumento dei casi Covid, lo vediamo dopo il Natale e lo vedremo a gennaio dopo il Capodanno. Ma fortunatamente la situazione è controllabile e negli ospedali è gestibile. Potrebbe cambiare nel 2023 solo con una nuova variante in grado di eludere l’immunità vaccinale e quella naturale data dalla guarigione. Quindi si deve sempre monitorare la situazione senza creare allarmi nella popolazione”, prosegue.

Print Friendly, PDF & Email