Ven. Gen 27th, 2023
Il dr. Walter Melcore appena salvato
dalla boscaglia e fatto salire sulla macchina della Polizia metropolitana.


Gli angeli di Walter e Vittorio sono una squadra di persone davvero uniche e straordinarie; si chiamano Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, Vigili del Fuoco di Siderno, Arma dei Carabinieri di Locri, Gruppo fuoristadisti di Mammola, l’ex sindaco di Antonimina Antonio Condelli e il geologo Giuseppe Mediati. 

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

E’ grazie a loro se i nostri amici Walter Melcore e Vittorio Spirli stasera sono a casa nell’abbraccio caloroso dei loro familiari e possono raccontare tutto ciò che è avvenuto nella turbolenta giornata di ieri nella battuta a funghi allo Zomaro.

La prima immagine del dr.
Melcore appena ritrovato.


Una giornata che è stata terribile per i due protagonisti, ha lasciato in apprensione e messo nel panico le loro famiglie, molto difficile e intensa per tutta la squadra dei soccorritori viste le avverse condizioni meteorologiche e le difficoltà di districarsi nell’aspra montagna aspromontana, e ha tenuto col fiato sospeso fino a tarda notte tutta la nostra cittadina.

Ma come sono andate le cose?

Pare che durante il percorso Vittorio abbia avuto un risentimento ad un piede e non riusciva più a camminare… Sapendo del sopraggiungere del buio già dopo le 16,00, Walter allerta subito i Carabinieri e cerca di dargli la loro posizione.

Scatta l’allarme. Si arriva sul posto. Le operazioni appaiono subito difficili, arriva il buio e la nebbia, e piove a dirotto.

Il punto dell’unità di soccorso 
creato ieri sera in piena montagna 
allo Zomaro


Nonostante siano stati localizzati, i telefoni dei due dispersi sono spenti perchè con la batteria scarica; le Forze dell’Ordine hanno bisogno di persone esperte conoscitori di quel territorio. Ci sono! Sono Antonio Condelli e Giuseppe Mediati, che si sono messi subito a disposizione, insieme al gruppo di fuoristradisti di Mammola, ad indicare la strada e ad accompagnare le Forze dell’Ordine fino all’obiettivo. 

Solo uno straordinario lavoro di squadra riesce, all’ una inoltrata di notte ed in una situazione davvero disperata, a raggiungere e abbracciare Walter e Vittorio che vedono illuminarsi il loro cuore all’arrivo dei loro angeli.

Abbiamo sentito il vice comandante della Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, il maggiore Agostino Monoriti, che ha coordinato le operazioni di soccorso e che ringraziamo per la testimonianza che ci ha rilasciato:

E’ stata una notte molto intensa e piena di pericoli – ci riferisce tra soddisfazione e commozione – ma alla fine siamo riusciti a tirarli fuori da una situazione davvero disperata! Sono molto grato allo spiegamento di tutte le Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco, ai fuoristradisti di Mammola che ci hanno assistito nelle fasi conclusive dell’operazione, ma non possiamo che rivolgere un sentito ringraziamento all’ex sindaco di Antonimina Antonio Condelli e al geologo Giuseppe Mediati, grandi conoscitori del territorio boschivo e di tutta la parte aspromontana dello Zomaro. Grazie a loro il ritrovamento è stato possibile nei tempi tecnici necessari ad evitare una situazione irreparabile, considerato anche che tutte le operazioni si sono svolte in presenza di nebbia fittissima, un forte temporale e strade pericolose. Il ritrovamento è avvenuto a oltre 5 chilometri dal luogo dove i dispersi avevano lasciato la loro macchina. Ma alla fine, nel raggiungerli, nel vederli che stavano bene, nell’abbracciarli, per tutti è stata una grande soddisfazione”.

IL GPS che ha consentito
l’individuazione del luogo dove
Walter e Vittorio si sono persi.


Walter e Vittorio una volta salvati e portati al punto di soccorso, sono stati rassicurati dall’affetto di tutti, hanno chiamato i propri familiari e rassicurato sulle loro condizioni di salute, e la lieta  notizia si è così diffusa grazie al tempismo di Giuseppe Mazzaferro di Telemia che ha informati tutti i roccellesi che all’una e mezza di notte erano in trepidante attesa di questa notizia liberatoria.

Walter e Vittorio, sono cosi stati portati al Pronto Soccorso dell’ospedale di Locri dove sono stati visitati e dove hanno potuto riabbracciare i loro familiari. Le loro condizioni sono risultate buone tanto da poter consentire il loro ritorno a casa.

A Walter e Vittorio rivolgo il mio più affettuoso saluto, al quale si associa quello di tutti i cittadini roccellesi che hanno sperato ieri sera, fino a tarda notte, questo lieto fine. 

A tutti coloro che hanno contribuito a questo lieto fine va il ringraziamento più sentito per questa vicenda che rafforza la fiducia e la stima verso le Forze dell’Ordine e tutti i corpi di salvataggio, persone che diventano angeli disposti a rischiare la loro vita per salvare quella di qualcun’altro.

Raccontato e scritto da Nicola Iervasi

Facebook Comments
86 Views
Print Friendly, PDF & Email