Mar. Feb 7th, 2023

Lo ha denunciato con una foto pubblicata sui social network: così una ex studente del liceo Tasso ha raccontato al sua storia di violenza da parte dell’ex fidanzato.

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

“Ha presente la scritta che sta cancellando? Questo ragazzo mi ha picchiata e mandata in ospedale”, si sente dire in uno dei video pubblicati su Instagram. A parlare è una ex studentessa del Liceo Tasso che ha deciso di postare sul suo profilo le foto del suo volto tumefatto, dei lividi e delle ferite sulle braccia. Ad accompagnare la denuncia, arrivata tramite social network, una sola domanda: “Chi è lui davvero?”, fatta riferendosi al ragazzo.

La vicenda raccontata sui social
Appena due giorni dopo ha postato un’altra carrellata di immagini, fra cui il video girato dal ragazzo davanti al portone di casa sua: “Dove sei? Dove ti nascondi? I tuoi genitori mi chiedono scusa e tu sparisci? Smetti di buttarmi m*rda addosso perché ce sta a rimette la famiglia tua – dice rivolto alla ragazza, prima di parlare con tutti gli altri followers – Per tutte le persone che pensano che sia un killer parlate con i genitori.”

Eppure quella denuncia diffusa a mezzo social è arrivata anche alle forze dell’ordine, come ha fatto sapere la ragazza con una foto pubblicata ieri sera. “Ti ho scritto la Divina Commedia”, scrive, presumibilmente non appena uscita dalla caserma. Anche lei, però, nel frattempo, è stata denunciata per diffamazione dalla famiglia dell’ex fidanzato.

La reazione del Tasso
Gli e le studenti del Tasso, che più di una volta hanno manifestato la loro sensibilità e vicinanza alle donne colpite dalla violenza di genere, nel corso di un’assemblea organizzata dal collettivo per sensibilizzare la comunità studentesca sul tema, hanno riportato la storia della giovane.

Lo striscione “Tasso Femminista”

“Con un post su Instagram ha reso noto a tutti le violenze subite per mesi dall’ex fidanzato – leggono alcune studenti – Dopo essersi  messi insieme, in poco tempo, la spirale della violenza è cominciata, inarrestabile. Il primo passo è stato l’isolamento. Poi la violenza psicologica: ha iniziato a pensare che ogni litigio fosse nato per colpa sua. Per ultima la violenza fisica: i pugni, i calci, i lividi, il sangue. Fino a quando non è stata costretta ad andare in ospedale”. La violenza non è finita neppure al termine della relazione:”Le minacce da parte del ragazzo sono continuate e ha tentato di intromettersi nella sua vita fino ad oggi”.

fanpage

Facebook Comments
36 Views
Print Friendly, PDF & Email