Dom. Set 24th, 2023
Featured Video Play Icon

Tra le novità previste dal testo normativo c’è la creazione di “Arpal”, la nuova Agenzia per il lavoro

Continua dopo la pubblicità...


RistoroViandante
CalabriaVerde
ConcertoUomoCheOscura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La Giunta regionale guidata dal presidente Roberto Occhiuto ha approvato la proposta di legge di riforma del mercato del lavoro e delle politiche attive in Calabria: tra le novità previste dal testo normativo, che revisiona una legge risalente a 22 anni fa, c’è la creazione di “Arpal”, la nuova Agenzia per il lavoro. “Dopo una intensa giornata e mesi di incessante impegno esprimo soddisfazione per aver centrato un obiettivo importante e atteso da tantissimi anni”, dichiara l’assessore regionale al Lavoro Giovanni Calabrese (FdI), promotore della riforma che – prosegue – “rappresenta una nuova e importante prospettiva per le politiche attive del lavoro in Calabria”.

Secondo Calabrese “la normativa regionale attualmente vigente, risalente al 2001 (legge regionale 5/2001), si fonda su disposizioni legislative ormai superate da tempo. Pertanto la proposta di legge quadro si propone di dotare la Regione Calabria di una regolamentazione del mercato del lavoro e delle politiche attive aggiornata alle più recenti disposizioni statali. In particolare – sostiene l’assessore regionale –  lo scopo principale del progetto normativo è quello di disciplinare compiutamente il sistema delle politiche del lavoro, della formazione, dell’apprendimento permanente e del sostegno all’autoimpiego nel territorio regionale ed il relativo quadro degli interventi e degli strumenti di programmazione ed attuazione. L’‘Arpal’ Calabria, la nuova Agenzia per il Lavoro, prevista nel testo normativo andrà a superare Azienda Calabria Lavoro che subirà una radicale trasformazione con anche una nuova prospettiva per i dipendenti dell’azienda che – ha concluso Calabrese – oggi operano in molti dipartimenti della Regione Calabria”. 

Print Friendly, PDF & Email