Sab. Feb 24th, 2024

La lingua madre come identità, cultura, unione e narrazione: “Il custode delle parole” (Feltrinelli) di Gioacchino Criaco continua il suo percorso di successo in un fitto programma di incontri con i lettori.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

“Il custode delle parole” narra una storia antica e moderna, che intreccia passato e presente attraverso il valore eterno delle parole: la montagna e la difesa dell’ambiente, il lavoro precario, l’uguaglianza sociale negata, l’amore, la multiculturalità. I protagonisti si muovano in un contesto di quotidianità semplice, di diffusa identificazione, e per questo più significativa, portatrice di tante storie che danno vita alla grande storia di un popolo.

Gioacchino Criaco sarà: domani, 26 maggio, alle ore 19.00, a Taurianova Legge; 27 maggio, ore 17.00, alla Scuola superiore per mediatori linguistici di Catona; 28 maggio, ore 17.00, con Domenico Forgione e Mimmo Gangemi, nell’Aula comunale di S. Eufemia d’Aspromonte per Primavera di libri; 30 maggio, a Tropea, incontro promosso dalla Fondazione Carical; 1 giugno, ore 19.00, Mondadori Point di Palmi, incontro promosso da Kiwanis Club; 5 giugno, ore 19.00, al Circolo Polimeni, con il Rhegium Julii; 16 giugno, ore 17.00, al Circolo Cittadino di Catanzaro, per un incontro su “Emergenze sanitarie e sociali per i minori nel Terzo Millenio”.

Il 10 giugno, appuntamento a Termoli, in Molise, insieme a Marco Ciriello, per un incontro organizzato dall’associazione “Sopralerighe”.

Print Friendly, PDF & Email