Mar. Feb 27th, 2024

Enorme bagno di folla questa mattina all’Altafiumara Resort di Santa Trada per l’incontro di Forza Italia organizzato dall’on. Francesco Cannizzaro con il ministro Tajani, il governatore Occhiuto e lo stato maggiore del partito

Il ministro degli Esteri, nonché vice premier Antonio Tajani, questa mattina presso l’Altafiumara Resort di Santa Trada, a Reggio Calabria, ha partecipato ad un evento organizzato dall’on. Francesco Cannizzaro in occasione della visita del ministro per la Commissione Intermediterranea conclusa ieri nella stessa location. All’evento, che ha visto protagonista anche il governatore Roberto Occhiuto, il vice Presidente Giusi Princi, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Matilde Siracusano e numerosi altri parlamentari e assessori di Forza Italia, è diventato in breve una vera e propria convention del partito azzurro in riva allo Stretto, in una delle sue principali roccaforti elettorali.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’incontro, con un Altafiumara mai così gremito da oltre 500 persone al punto che le automobili sono finite parcheggiate per un lungo tratto della strada fuori dal resort, si è aperto con un lungo e commosso applauso rivolto al presidente Silvio Berlusconi, scomparso poco più di due settimane fa. “E’ un momento difficile per noi, abbiamo perso il nostro leader ma nel segno della sua eredità politica dobbiamo guardare al futuro in uno scacchiere politico in cui ci sono ampi spazi per i moderati e liberali come noi. Questa è una stagione molto delicata, difficile. È un momento complicato per noi, un momento di passaggio. Abbiamo perso il nostro leader, il nostro fondatore. Un uomo straordinario. Non esiste il successore di Berlusconi. L’unico percorso che possiamo seguire – ha aggiunto – è quello di lavorare tutti quanti insieme per raccogliere la sua eredità. Una grande squadra di centinaia di migliaia di militanti, e allora realizzare il suo sogno. Lavorare tutti quanti insieme per raccogliere l’eredità di Berlusconi è una grande sfida che ci dovrà vedere tutti coinvolti. Abbiamo cominciato con i gruppi parlamentari, di Camera, Senato e Parlamento europeo. Li rivedrò la prossima settimana. Voglio sentire le loro idee. Voglio che siano protagonisti, anche, della stesura del documento politico che, prima il comitato di presidenza approverà, e poi il Consiglio nazionale del 15 di questo mese farà suo. Perché è vero che dovremo eleggere la nuova guida di Forza Italia, ma non si tratta soltanto di occupare una poltrona; si tratta di avere una politica, un progetto, delle idee, dei contenuti per andare ad occupare lo spazio politico che oggi è molto più largo di qualche mese fa“.

Le parole del ministro Tajani sul Ponte sullo Stretto e lo sviluppo del Sud, e l’idea del G7 del 2024 in Calabria

Il ponte sullo stretto solo un disegno? Mi pare proprio di no. Noi stiamo lavorando per realizzare questa grande infrastruttura che servirà alla crescita di questa Regione, perché arriverà l’Alta Velocità, non solo l’alta capacità. Ci saranno incrementi delle presenze turistiche, perché ci sarà una crescita di tutto il Sud del nostro Paese, che per Forza Italia è fondamentate. Per il Governo è fondamentale“. Così Tajani parlando con i giornalisti a Villa San Giovanni. “Non esistono locomotive solo al Nord. Anche il Sud – ha aggiunto – deve diventare una locomotiva del nostro Paese. Noi ci crediamo. Siamo fortemente convinti che il Sud abbia delle potenzialità straordinarie, non soltanto per quanto riguarda il capitale umano. Grazie a tanti meridionali sono cresciute anche le industrie del Nord. È cresciuta anche l’Europa. Se pensiamo ai tanti italiani che hanno lavorato nelle miniere del Nord Europa. L’8 di Agosto sarò a Marcinelle, in Belgio, a commemorare i minatori italiani morti nel disastro dell’8 agosto del 1956“.

Il Ponte sullo Stretto – ha sostenuto Tajani – è una infrastruttura strategica. Noi non siamo soltanto concentrati sul ponte, dobbiamo far sì che il Sud dell’Italia diventi anche un grande hub energetico. Penso, a questo proposito, al ruolo che potrà svolgere il porto di Gioia Tauro per le sue capacità. È un porto che ‘pesca’ molto nel quale possono arrivare grandi navi portacontainer, ma soprattutto noi vogliamo che il Sud diventi il territorio dove arrivi il gas, il petrolio, dall’Africa settentrionale, dai Paesi del Golfo e dall’Asia centrale. Per poi trasferire queste materie prime anche verso il Nord Europa“. “Abbiamo grandi idee per il Sud – ha concluso Tajani – e grandi idee anche per la Calabria. Io ho un’altra idea. Ne ho parlato ieri sera con il presidente della regione Roberto Occhiuto, quello di realizzare uno degli eventi del G7, sto pensando a quello del Commercio internazionale, proprio in Calabria. E’ un’idea che ho in testa, farò di tutto perché si realizzi“.

Europa, Tajani: “aggregazione tra popolari e conservatori si può fare”

E’ un cantiere aperto. I risultati elettorali, poi, decideranno. È ovvio che il Partito Popolare Europeo, che è la nostra famiglia, sarà sempre e comunque centrale. L’alleanza Popolari, Conservatori, liberali è quella che mi ha permesso di diventare Presidente del parlamentare europeo nel 2017. Quindi, è un’alleanza che si può fare. Vedremo i risultati elettorali. È un cantiere aperto“. Lo ha aggiunto il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani durante l’incontro. “Credo – ha aggiunto – che sarebbe giusto, anche in Europa, avere un sistema di alternanza tra forze di centrodestra, escludendo gli estremisti, e forze di sinistra. È chiaro che gli estremisti non possono far parte di una coalizione che deve governare l’Europa, se sono anti europei. Le Pen si alterna a Deutschland. Non si può costruire una maggioranza con queste forze. Altra cosa è la Lega che mi auguro possa essere parte di una maggioranza di centrodestra. Ma non possono essere Le Pen o Alternative für Deutschland“.

Tajani: “DL lavoro sta dando risultati molto positivi, il lavoro è il nostro obiettivo principale”

Mi pare che il risultato sul Dl Lavoro sia stato molto positivo. Il nostro obiettivo è quello di incrementare il numero degli occupati. I dati dell’Istat ci danno ragione. Dobbiamo continuare a sostenere imprese, commercio, agricoltura, artigianato, liberi professionisti, perché aiutando questi settori creiamo nuovi posti di lavoro“, ha aggiunto Tajani parlando con i giornalisti. “Stiamo aiutando anche per fronteggiare la crisi energetica, che poi ha provocato l’aumento dell’inflazione. Continueremo per qualche mese a sostenere le famiglie e le imprese. Però, – ha aggiunto Tajani – il lavoro è il nostro obiettivo principale“.

Tajani: “noi leali con il governo ma diversi da Lega e Fratelli d’Italia”

Lo spostamento a sinistra del Partito Democratico lascia interdetti moltissimi elettori di quel partito che avevano una formazione democratico-cristiana e socialista. E non si riconoscono in un partito che è diventato una sorta di doppione del Movimento 5 Stelle. Il più grande rispetto per tutti. Faccio soltanto una analisi politica. Ma siccome noi siamo un partito politico, dobbiamo capire quale spazio occupare“. Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani all’iniziativa di Forza Italia a Villa San Giovanni. “Siamo saldamente nel centrodestra – ha aggiunto – siamo seri, leali, credibili, affidabili. Sosteniamo il Governo con grandissima lealtà, ma siamo diversi dalla Lega e da Fratelli d’Italia. E il nostro compito non è fare quello che fanno la Lega e Fratelli d’Italia, ma essere il centro della politica italiana, essere il centro del centrodestra e raccogliere il maggior numero possibile di elettori che non vanno a votare, che sostengono liste civiche o che sono delusi dalla sinistra. È quello che noi dobbiamo fare in questo momento“.

Alla fine dei lavori, il ministro degli Esteri incontrerà a Bagnara Calabra una delegazione della marineria locale sul tema della pesca mediterranea e i regolamenti comunitari. In modo particolare, incontrerà i pescatori del pesce spada e salirà su una feluca, tradizionale e tipica imbarcazione dedita proprio a questo tipo di pesca nelle acque dello Stretto di Messina e della Costa Viola.

strettoweb

Print Friendly, PDF & Email