Mar. Apr 23rd, 2024

“Sarebbe stolto chi resta a dirigere, a tirare remi in barca e non occuparsi del destino investigativo di tre quarti della Calabria”

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

“Calabresi non abbiate paura del futuro. Andando via io l’attività della Procura antimafia di Catanzaro prosegue”. Lo ha detto il neo-procuratore di Napoli Nicola Gratteri intervenendo a Crotone all’inaugurazione della biblioteca della legalità “Dodò Gabriele” nella sede della Confcommercio.
“Le indagini non si fermeranno, c’è una squadra che continuerà il lavoro. Non finisce nulla se vado via io. Sarebbe stolto chi resta a dirigere, a tirare remi in barca e non occuparsi del destino investigativo di tre quarti della Calabria”.

“I calunniatori hanno perso tempo. Abbiamo costruito un metodo”

“Abbiamo mangiato pane e veleno in questi anni – ha detto Gratteri – hanno cercato di indebolirci, soprattutto colpendo me perché avevano nella loro testa che mettendo fuori gioco me si fermava la Procura. Invece la Procura di Catanzaro è una grande squadra ed i calunniatori hanno perso tempo. L’opinione pubblica ha capito chi ha lavorato in buona fede e chi ha cercato di mettere lo sgambetto”.
Nel corso dell’incontro con gli studenti di Crotone al teatro Apollo, Gratteri ha ribadito i principi del suo lavoro: “Noi non abbiamo solo costruito una Procura fisica ristrutturando l’ex ospedale militare, ma abbiamo creato un metodo, una mentalità di lavoro: una grande squadra. Abbiamo fatto degli innesti tra i giovani magistrati, ai quali ho cointestato indagini importanti, e quelli più anziani facendo loro sentire l’odore della Dda. Al mio posto ci sarà per questo periodo il collega Capomolla a cui si potrà andare a denunciare. Il valore aggiunto della procura di Catanzaro è aver messo nella testa della gente che si può cambiare. Dalla provincia di Crotone sono venuti imprenditori a denunciare mafiosi e possono continuare a farlo con le forze dell’ordine ed i magistrati. Abbiamo liberato molti spazi che sta a voi ragazzi occupare”.

Napoli? “Non mi preoccupano le lettere che arrivano”

Sul suo futuro alla guida della Procura di Napoli, Gratteri ha puntualizzato: “Io sono allenato a sfide a fare cose nuove. A Catanzaro in sette anni ho sempre cercato di migliorare. Non mi preoccupano le lettere che arrivano da Napoli, è problema di altri. Il senso ed i limiti della paura li ho superati nel 1989. Ho ascoltato intercettazioni dove parlavano di come ammazzarmi, non mi preoccupa certamente un documento o lettera”. (Ansa)

Print Friendly, PDF & Email