Sab. Apr 20th, 2024

L’omicidio di Giulia Cecchettin è, nella sua enorme tragicità, uno spartiacque nel quotidiano e continuo impegno richiesto alle istituzioni della Repubblica per combattere la deriva culturale che è alla base della crescita di quel cancro sociale che è la violenza sulle donne.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Si ha la sensazione che questo omicidio abbia scosso come mai in precedenza le nostre coscienze, pericolosamente assuefatte e rassegnate alla piaga dei femminicidi.

Tutti, singoli e istituzioni, siamo chiamati a rispondere a questa nuova fase del percorso di lotta contro la violenza di genere attivando nuovi strumenti capaci di mettere a nudo ognuno di noi di fronte alla responsabilità collettiva che genera un femminicidio, che non dobbiamo mai più relegare ad una questione di responsabilità personale.

Ci sarà modo di riflettere a lungo su tutto questo. Ci sarà tempo per approfondire, discutere, confrontarsi, imparare. Ci sarà tempo per convegni, dibattiti, incontri.

Ma quest’anno la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” non è uguale alle altre, perché ci chiama ad una presa di coscienza che forse fino ad oggi non c’è mai stata, affogata da dibattiti, incontri e iniziative che probabilmente abbiamo fatto scadere in una routine che toglie dalla lotta contro la violenza sulle donne il pathos da cui nasce la rabbia per lottare con più forza.

Per questo, sabato 25 novembre a mezzogiorno saremo insieme agli studenti dell’IIS “Pietro Mazzone”, nel cortile dell’ITI, a “fare rumore” per un minuto. Perché crediamo che questa nuova forma di protesta iniziata dopo l’omicidio di Giulia sia l’unica in grado di rispondere alle paure delle nostre ragazze e delle nostre donne. Più del minuto di silenzio, che di silenzio oggi non ne abbiamo bisogno.

Abbiamo poi pensato che può esserci un modo per ricordare a tutti noi che fino ad oggi sono state più di 100 le donne uccise da inizio anno in Italia: fare di quelle morti un unico ricordo collettivo. E i parroci di Roccella, padre Francesco e padre Giovanni, hanno accettato il nostro invito affinché le campane delle nostre chiese domani, alle 12.00 e per un minuto, suonino a lutto. In quel minuto, dovunque ci troveremo, a casa, al lavoro, con gli amici, possiamo riflettere su quello che ognuno di noi e tutti noi assieme dovremo fare da domani in poi perché nessuna Giulia debba più essere assassinata da un uomo.

Così facendo onoreremo assieme il significato di questo 25 novembre 2023.

“Il nostro impegno per combattere la piaga dei femminicidi e per contrastare la violenza di genere continuerà con l’attivazione, a breve, di uno Sportello comunale di ascolto antiviolenza e con altre iniziative specifiche che organizzeremo nei prossimi mesi in collaborazione con le scuole locali”, ha dichiarato, infine, l’assessora alle Politiche Sociali, Alessandra Cianflone.

Roccella Jonica, 24 novembre 2023.

L’Amministrazione Comunale di Roccella Jonica

Print Friendly, PDF & Email