Lun. Feb 26th, 2024

La donna l’aveva già denunciato per maltrattamenti

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Una donna è stata sfregiata al volto con dell’acido muriatico dal marito, dopo che lo aveva denunciato. L’aggressione a Palma di Montechiaro nell’agrigentino nella loro casa, dove si era recata per prendere alcuni vestiti, visto che si stava separando. L’uomo è finito in manette con l’accusa di lesioni personali gravissime e al momento si trova piantonato al centro Grandi ustioni dell’ospedale ‘Cannizzaro’ di Catania per le ustioni alle mani.

La donna è stata trasferita d’urgenza all’ospedale ‘San Giovanni di Dio’. Sembra fosse ospite da tempo in una comunità protetta, dopo la denuncia al marito per maltrattamenti.

L’episodio di oggi si aggiunge ad un elenco sempre più lungo di fatti di cronaca. Il precedente più recente, meno di 15 giorni fa. Un 25enne di origine marocchina ha lanciato l’acido contro l’ex fidanzata di 23 anni a Erba in provincia di Como. L’uomo aveva già tre denunce, un arresto e un divieto di avvicinamento. Dalla fine della breve relazione, durata circa cinque mesi, nel 2022, lui non aveva mai smesso di tormentare la ragazza pedinandola e minacciandola, arrivando anche a danneggiare la sua auto davanti alla caserma dei carabinieri di Erba, dove lei, lo scorso 21 agosto 2023, si era recata per sporgere una nuova denuncia, dopo le altre già presentate.

In quella occasione il giovane aveva atteso la ragazza fuori dalla caserma con un cric in mano, finendo per essere arrestato per violenza minacce e resistenza a pubblico ufficiale. In sede di convalida dell’arresto, poi, aveva chiesto scusa, spiegando di aver compreso la gravità di quanto accaduto e di essersi pentito. E dopo dieci giorni di reclusione in carcere, ha ottenuto gli arresti domiciliari, tramutati infine in un provvedimento di divieto di avvicinamento.

Fino al quel tragico giorno, il 22 novembre ha atteso la ragazza fuori dalla ditta, dove lei lavora, nella zona industriale di Erba. E quando l’ha vista uscire, alle 14 circa, le ha scaraventato addosso un’intera bottiglia di acido muriatico, colpendola al volto e in alcune parti del corpo. Alcune persone presenti hanno chiamato subito i carabinieri e il giovane è stato arrestato in flagranza.

Print Friendly, PDF & Email