Dom. Feb 25th, 2024

Il giovane accusato dell’omicidio è stato ascoltato per 9 ore

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

È finito dopo 9 ore l’interrogatorio, davanti al pm di Venezia Andrea Petroni, di Filippo Turetta accusato dell’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin. Sia il pubblico ministero che i difensori hanno lasciato il carcere di Verona in auto scortati da un cordone di polizia penitenziaria. L’avvocato Giovanni Caruso ha ancora una volta fatto cenno, ai giornalisti, di non voler parlare. Dato il numero di ore lo studente potrebbe aver in gran parte chiarito quanto accaduto la sera dell’11 novembre. Difficile immaginare che possa esaurire in un solo interrogatorio le domande, tante e precise, della pubblica accusa.

A Padova, intanto, l’autopsia sul corpo di Giulia uccisa con più coltellate alla testa e al collo e con un fendente sotto la clavicola, sul lato sinistro, non lontano dal cuore. Ferite plurime, almeno una ventina, che hanno causato il decesso per dissanguamento.

L’autopsia sul corpo di Giulia deve chiarire le diverse fasi dell’aggressione, ma anche stabilire quando la giovane è morta e se il 21enne abbia infierito con entrambi i coltelli sequestrati, uno con una lama di 21 centimetri trovato nel parcheggio a 150 metri da casa della vittima e l’altro nell’auto con cui Turetta ha tentato la fuga fino in Germania.

I dettagli serviranno alla procura per capire se contestare allo studente universitario l’aggravante della crudeltà. Quello che è certo è che Giulia è stata colpita nel parcheggio, caricata a forza in auto quindi rincorsa e colpita alle spalle nella zona industriale di Fossó. Qui batte la testa sull’asfalto e le immagini della telecamera di sorveglianza di una ditta la mostrano immobile sul marciapiede. Turetta la carica in auto e inizia una fuga a due di oltre 100 chilometri, fino a quando la abbandona in un dirupo vicino al lago di Barcis.

A un primo esame esterno il corpo mostra una ventina di coltellate e la profonda ferita alla testa, elementi che hanno provocato lo shock emorragico. Ad eseguire gli accertamenti sarà l’esperto incaricato dalla procura Guido Viel e dall’équipe del professor Angelo Paolo Dei Tos. La famiglia Cecchettin ha scelto come consulente Stefano D’Errico – ha seguito gli accertamenti per la morte di Liliana Resinovich – e Stefano Vanin, entomologo che si è occupato anche dei casi di Yara Gambirasio ed Elisa Claps. La difesa di Turetta si affiderà invece a Monica Cucci.

Print Friendly, PDF & Email