Ven. Mar 1st, 2024

La Cina si trova ad affrontare la minaccia di un aumento delle infezioni da Covid-19, con il rischio crescente di mortalità nei casi gravi, specialmente tra persone vulnerabili come anziani e quelli con malattie croniche. Il portavoce della Commissione sanitaria nazionale, Mi Feng, ha lanciato l’allarme durante una conferenza stampa, evidenziando la preoccupante prospettiva che la variante dominante nel paese possa diventare quella del ceppo JN.1, importata dall’estero.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
StoriaDiUnaCapinera
Testata
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Secondo la Commissione sanitaria nazionale, la situazione è destinata a peggiorare nei prossimi mesi a causa dei movimenti della popolazione cinese prima e dopo il Festival di primavera. Il Global Times riporta le previsioni degli esperti, che indicano la possibilità di una circolazione alternata o simultanea di varie malattie respiratorie invernali e nella prossima primavera, mettendo a rischio il fragile sistema di servizi medici rurali in termini di gestione delle emergenze.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha classificato la variante JN.1 come ‘variante di interesse’ (VOI), separata dal lignaggio BA.2.86, con il rischio attuale valutato come basso. Tuttavia, l’OMS avverte che con l’inizio dell’inverno nell’emisfero settentrionale, JN.1 potrebbe aumentare il carico di infezioni respiratorie in molti paesi. L’agenzia ONU monitorerà costantemente le evidenze e aggiornerà la valutazione del rischio se necessario. L’OMS sottolinea che i vaccini attuali continuano a proteggere dalla malattia grave e dalla morte, non solo da JN.1 ma anche da altre varianti di SARS-CoV-2. Infine, l’OMS avverte che Covid-19 non è l’unica malattia respiratoria in circolazione, con l’influenza, il virus respiratorio sinciziale (Rsv) e la polmonite infantile comune in aumento.

Print Friendly, PDF & Email