Sab. Feb 24th, 2024

La classifica stilata dal Sole 24 ore mette in evidenza i ritardi della città dello Stretto e di tutte quelle calabresi

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

E’Udine la città in cui si vive meglio in Italia, Reggio Calabria una di quelle in cui, invece, si sta peggio. La città dello Stretto si è piazzata solamente al 101esimo posto. A incoronare la provincia friulana è la 34esima edizione dell’indagine del Sole 24 Ore sulla qualità della vita, i cui risultati sono stati pubblicati sul quotidiano in edicola oggi. 

Dietro la città friulana si sono piazzate Bologna, che perde il suo primato conquistato lo scorso anno, e Trento.

Bergamo (quest’anno capitale della cultura insieme a Brescia) sale al quinto posto. Tra le prime dieci anche Milano. Mentre Roma si ferma al trentacinquesimo posto, perdendo quattro posizioni. Anche questa edizione fotografa nella seconda metà della graduatoria una concentrazione di città del Mezzogiorno, con l’unica eccezione di Cagliari al 23esimo posto. A chiudere la classifica è Foggia che torna a vestire la maglia nera dopo dodici anni.

A precederla Caltanissetta e poi Napoli al terz’ultimo posto che nonostante “l’effetto scudetto” sul turismo (non rilevato nei dati presi in esame) è penalizzata – secondo l’indagine – dalla densità abitativa, dalla criminalità predatoria in ripresa, dagli scarsi dati occupazionali e da un saldo migratorio sfavorevole. 

Va malissimo la Calabria, che vede le sue province tutte concentrate agli ultimi posti: Catanzaro al 91esimo, Vibo Valentia al 96esimo, Reggio Calabria al 101esimo, Cosenza al 102esimo e Crotone al 103esimo.

Print Friendly, PDF & Email