Gio. Feb 29th, 2024

Il testo riporta le critiche di Nunzia Paese, presidente di Italia Viva Calabria, nei confronti della gestione regionale dei rifiuti da parte del presidente della Calabria, Occhiuto. Paese accusa Occhiuto di fornire soluzioni banali e di mancare di una visione strategica sulla gestione dei rifiuti.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
StoriaDiUnaCapinera
Testata
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Paese sottolinea che, nonostante le affermazioni positive di Occhiuto, la Calabria ha ancora problemi significativi nella gestione dei rifiuti. Afferma che la regione ha bisogno di aumentare le percentuali di raccolta differenziata, ma che attualmente quest’ultima si ferma al 54,6%, mentre gli obiettivi europei richiedono percentuali più elevate entro il 2030 e il 2035.

La presidente di Italia Viva Calabria critica il quadro impiantistico carente della regione, sottolineando la presenza di numerose discariche abusive. Fa riferimento anche al caso di un’impianto di termovalorizzazione vecchio e inquinante in Calabria, affermando che la regione potrebbe imparare dall’esempio di Copenhill, un termovalorizzatore a Copenaghen che converte i rifiuti in energia pulita e integra funzioni ricreative e ambientali.

Paese denuncia che la Calabria è tra le regioni italiane che smaltiscono rifiuti fuori regione, inviandone 7mila tonnellate all’estero nel 2022. Critica la mancanza di una visione strategica e di investimenti in impianti di riciclo e recupero. Sottolinea che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha stanziato 2,1 miliardi di euro per migliorare la gestione dei rifiuti, ma avverte che sono necessari impianti e una visione a lungo termine.

Infine, Paese chiama il governo regionale a accettare la sfida e a utilizzare i finanziamenti disponibili per affrontare il problema dei rifiuti in maniera più sostenibile. Conclude affermando che diventare una regione green efficiente e virtuosa nella gestione dei rifiuti è possibile, citando l’esempio di Copenhill come prova che è questione di volontà politica e capacità.

Print Friendly, PDF & Email