Ven. Feb 23rd, 2024

«Fa bene «Fa bene la segretaria del Pd Elly Schlein a non farsi tirare per la giacca dalla premier Meloni nella polemica, creata ad arte, contro il presidente della Campania De Luca sull’autonomia differenziata».

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Ad affermarlo è il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Mimmo Bevacqua che si unisce alle parole della segretaria nazionale  relative alle risposte al Sud che continuano a non arrivare da parte del governo nazionale.

«Come al solito – prosegue Bevacqua – il centrodestra che non riesce a governare il Paese, così come la Calabria, ogni volta che si arriva al merito delle questioni preferisce mandare la palla in tribuna. E così mentre cittadini, associazioni, sindaci, governatori del Sud e la stessa Chiesa insorgono contro la secessione dei ricchi voluta dalla Lega, la premier si sente offesa per dichiarazioni, seppur dure, del governatore della Campania che continua a chiedere risposte concrete, a partire dallo sblocco dei fondi per il meridione. E, invece di polemiche fini a se stesse, sarebbero dovute spiegazioni anche sui ritardi accumulati sulla Zes e sul Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc). Un copione che conosciamo bene in Calabria dove Occhiuto, quando si parla di autonomia differenziata, ricorre a slogan pubblicitari, invece di spiegare quale sia la posizione del suo governo e di Forza Italia sulla riforma che mette in discussione l’unità del Paese e affossa le regioni meridionali. Senza più nascondersi soltanto per proseguire ad assecondare i voleri di Meloni e Salvini, Occhiuto dovrebbe parlare chiaramente e dire come intende posizionare il suo governo su una questione nevralgica per il futuro dei calabresi. Sarebbe opportuno e non rinviabile – conclude Bevacqua – che, invece di ricorrere alle solite armi di distrazioni di massa, si andasse al centro delle questioni. Come Pd proseguiremo, ad ogni livello e con ogni mezzo, l’azione di opposizione alla riforma Calderoli che deve essere fermata».

Print Friendly, PDF & Email