Gio. Feb 29th, 2024

Titolo: Implementazione del progetto “Esami km 0” per una migliore assistenza sanitaria territoriale

Continua dopo la pubblicità...


Calura
StoriaDiUnaCapinera
Testata
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nella costante ricerca di migliorare l’assistenza sanitaria territoriale, è stato firmato un accordo innovativo tra i sindacati della medicina generale e l’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria. Questo accordo, siglato l’8 febbraio, mira a implementare l’attenzione verso i pazienti più fragili, anziani e affetti da polipatologie.

L’iniziativa prevede la creazione di punti prelievo sperimentali presso le aggregazioni funzionali territoriali (AFT), dove i medici di medicina generale operano con orario prolungato. Questo consentirà ai pazienti fragili di effettuare esami ematochimici direttamente nello studio medico, evitando spostamenti e lunghe attese in laboratorio.

Il progetto, denominato “Esami km 0”, è volto a garantire una gestione più efficiente e tempestiva dei risultati degli esami, che verranno trasmessi direttamente ai medici curanti. Questa iniziativa si traduce in una maggiore comodità per i pazienti e una presa in carico più efficace da parte dei professionisti sanitari.

Il direttore generale dell’Asp reggina, Lucia Di Furia, sottolinea l’importanza di questa iniziativa, che offre ai pazienti fragili la possibilità di accedere a servizi diagnostici senza dover lasciare il proprio ambulatorio medico. Inoltre, questo progetto contribuirà a rendere più capillare la presenza del medico di famiglia sul territorio provinciale.

Francesco Biasi, segretario provinciale Mmg della Fimmg, evidenzia che grazie all’inserimento di 80 nuovi medici nell’ultimo anno, si è riusciti a colmare le carenze di personale medico degli ultimi anni. Questo permetterà di garantire una migliore copertura sanitaria sul territorio.

Il progetto “Esami km 0” sarà attivo a breve e non comporterà alcun costo aggiuntivo per i cittadini, né alcuna remunerazione per i medici delle AFT. Si tratta di un’iniziativa volta a migliorare l’accesso ai servizi sanitari e a garantire una migliore qualità dell’assistenza per tutti i pazienti.

Print Friendly, PDF & Email