Gio. Apr 18th, 2024

La Fai e la Filca Cisl di Reggio Calabria , rispettivamente rappresentate da Antonino Zema Segretario Generale Fai Cisl e Christian Demasi Responsabile Territoriale Filca Cisl, esprimono il proprio profondo cordoglio alla famiglia colpita dalla tragica perdita nella recente tragedia di Terreti. 

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Questo evento sconvolgente non solo ha colpito mortalmente un uomo lasciando nel profondo dolore i suoi familiari , ma ha anche richiamato l’attenzione della società civile, delle istituzioni e degli organi sindacali. 

È evidente che questa sciagura avrebbe potuto essere evitata attraverso la bonifica dei territori e la pianificazione di solide strutture di contenimento per affrontare fenomeni atmosferici estremi.

Per la FAI Cisl di Reggio Calabria quanto successo purtroppo con la frana nella frazione di Santa Venere, è frutto anche di una mancata prevenzione e lotta al dissesto idrogeologico. Giusta piantumazione e progetti di forestazione produttive, insieme a giusti interventi di ingegneria naturalistica che tutelano il territorio e rispettano la biodiversità dei nostri luoghi, sicuramente aiutano ad evitare che queste cose succedano. Per questo serve investire in prevenzione e tutela del territorio con forza lavoro adatta ed addetta alla lotta al dissesto idrogeologico. 

La FILCA Cisl reggina esorta a immaginare soluzioni innovative per abitazioni e infrastrutture, con una pianificazione a lungo termine volta ad anticipare le nuove esigenze e migliorare la qualità della vita dei cittadini, riducendo al minimo il rischio di eventi tragici. Tecnologia, progettazione e prevenzione devono essere i pilastri su cui basare le soluzioni ai problemi reali, mediante un approccio integrato. È essenziale prestare particolare attenzione alle numerose arterie a rischio e condividere piani di lavoro ad hoc tra istituzioni e parti interessate. L’edilizia deve muoversi verso una progettazione sempre più resiliente, in grado di affrontare con determinazione i frequenti eventi estremi. 

Fai e Filca invitano ad una riqualificazione delle maestranze volta all’ edilizia green per  mettere a frutto le proprie competenze ed  aiutare cittadini e comunità a fronteggiare questa devastante emergenza idrogeologica che attanaglia la nostra regione. 

A tal fine, chiedono la creazione di una cabina di regia che coinvolga istituzioni, sindacati e tecnici per consolidare le opere esistenti e pianificare ulteriori misure di limitazione del fenomeno. 

Questo approccio non solo garantirebbe la sicurezza del territorio e della collettività, ma porterebbe anche a un ritorno occupazionale significativo e alla riorganizzazione delle figure professionali, contribuendo a ridurre il tasso di disoccupazione. 

La Fai e la Filca Cisl di Reggio Calabria rimangono  impegnate nel promuovere soluzioni concrete e sostenibili per garantire la sicurezza e il benessere delle comunità locali, con la consapevolezza che solo attraverso un impegno comune si possono affrontare e superare le sfide che ci attendono. 

Print Friendly, PDF & Email