Mar. Apr 16th, 2024

Riapertura dell’indagine: dubbi sull’assegnazione del progetto del Ponte sullo Stretto al consorzio Eurolink, senza nuovo bando nonostante l’incremento dei costi da 4 a 14 miliardi di euro.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo d’indagine in seguito alla presentazione di un esposto alla Camera dei Deputati da parte dei parlamentari Angelo Bonelli, Nicola Fratoianni e Elly Schlein. L’esposto, depositato il primo febbraio, solleva dubbi sulla mancanza di trasparenza nella progettazione e realizzazione del Ponte sullo Stretto.

I deputati hanno espresso preoccupazione per la mancata divulgazione di documenti fondamentali relativi al progetto e alle procedure da parte della Società Stretto di Messina S.p.A. In particolare, si è evidenziato il rifiuto della società di fornire la relazione di aggiornamento al progetto e l’atto negoziale, ostacolando così la possibilità di esercitare un adeguato controllo e verifica.

L’esposto fa anche riferimento alla ripresa dei rapporti tra la Stretto di Messina e il contraente generale Eurolink, nonché al contenzioso esistente tra le due parti e il Governo. Si sottolinea che, nonostante il rifiuto di Eurolink di accettare la rinuncia al contenzioso, l’udienza di appello è fissata per ottobre 2024.

Inoltre, si richiama l’attenzione sulle criticità emerse riguardo alla gara per il progetto, vinta da Eurolink con Salini nel 2006. L’articolo mette in evidenza il commento del Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Busia, che ha definito la gara come un “grande regalo” ai privati, soprattutto considerando l’aumento dei costi che supera di gran lunga quanto previsto dall’articolo 72 della direttiva europea.

L’indagine della Procura di Roma su questi temi potrebbe portare alla luce ulteriori dettagli sulla gestione del progetto del Ponte sullo Stretto e sollevare interrogativi sulla sua trasparenza e regolarità.

Print Friendly, PDF & Email