Mar. Apr 16th, 2024

Alidad Shiri, giornalista bolzanino, non trova la forza di confessare alla propria zia l’assenza del corpo del giovane parente disperso nel naufragio.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Le parole di Alidad Shiri, insieme alle testimonianze e alle riflessioni degli altri intervenuti, mettono in evidenza la tragedia umana e sociale che si cela dietro eventi come il naufragio di Cutro e le politiche migratorie adottate. La richiesta di verità, giustizia e umanità è centrale, e la denuncia del comportamento del governo italiano risulta forte e chiara.

La proposta di creare corridoi legali per favorire l’ingresso di persone per studio, ricerca e lavoro, anziché adottare politiche di emergenza, è un’alternativa concreta e umanitaria. Si sottolinea anche l’importanza di potenziare il sistema di accoglienza per garantire un’inclusione e integrazione efficaci.

Eventi come questo e le testimonianze dei sopravvissuti e dei familiari delle vittime sono cruciali per mantenere viva la memoria delle tragedie legate alle migrazioni e per spingere verso un cambiamento delle politiche migratorie basato sui principi di umanità, dignità e solidarietà.

Print Friendly, PDF & Email