Gio. Lug 18th, 2024

Carmelo Luciano Morabito risponde delle accuse di tentato omicidio e porto illegale di arma da taglio a Gerace

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Il Tribunale di Locri ha emesso una sentenza di condanna a 8 anni e 20 giorni di reclusione nei confronti di Carmelo Luciano Morabito, residente a Gerace, accusato di tentato omicidio e porto illegale di un’arma da taglio. Il verdetto è stato pronunciato dal gup Andrea Bonato al termine di un processo celebrato con le forme del rito abbreviato. Il caso è emerso dalle indagini condotte dai carabinieri in seguito al ferimento di Luigi Giuseppe Rodinò, imprenditore agricolo, avvenuto nell’ottobre dell’anno precedente a Gerace.

Secondo l’accusa della Procura di Locri, coordinata dal dott. Giuseppe Casciaro, il ferimento è avvenuto a seguito di una discussione tra Morabito e Rodinò, avvenuta in pubblico sulla via Nazionale. La scena è stata registrata da alcune telecamere di sicurezza private, dalle quali i carabinieri hanno estratto i filmati che hanno permesso di ricostruire la dinamica della colluttazione e del successivo ferimento. I motivi del litigio, secondo gli investigatori, sarebbero di natura personale.

La condanna di Morabito sottolinea l’importanza delle prove raccolte dalle forze dell’ordine e conferma l’impegno della magistratura nel perseguire i casi di violenza anche quando si verificano in contesti pubblici e sotto il controllo delle telecamere di sicurezza.

3.5

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com