Lun. Lug 22nd, 2024

La Procura di Locri ha aperto un’inchiesta dopo la denuncia dei familiari di Christian Guarneri, il 34enne deceduto dopo essere stato dimesso dall’ospedale.

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Due medici e un infermiere sono stati indagati dalla Procura di Locri per omicidio colposo in relazione alla morte di Christian Guarneri, il 34enne locrese deceduto a casa qualche giorno fa dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso della struttura di contrada Verga. L’inchiesta del pm Marzia Currao è stata aperta dopo la denuncia presentata dai familiari della vittima che, assistiti dall’avvocato Vincenzo Maio, avevano chiesto di valutare il comportamento dei sanitari che l’avevano avuto in cura. Secondo quanto ricostruito, il giovane si era recato al pronto soccorso del nosocomio locrese per un malessere. I medici, dopo diverse ore di attesa, lo avrebbero sottoposto a dei controlli e successivamente dimesso. Ma al rientro continuava ad accusare forti dolori all’interno della sua abitazione dove, purtroppo, è deceduto.

Intanto, l’autopsia sul corpo del ragazzo sarà eseguita venerdì pomeriggio al Gom di Reggio a cura del medico legale Giovanni Andò di Messina, che ha ricevuto l’incarico dalla Procura, mentre i tre sanitari dell’ospedale di Locri a cui sono stati notificati gli avvisi di garanzia (F.N, C.D. e E.G. le loro iniziali) sono difesi dagli avvocati Emanuele Procopio e Pier Massimo Marrapodi.

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com