Lun. Lug 15th, 2024

Il plenipotenziario di Salvini promette dialogo con Occhiuto ma non offre nuovi incarichi. Congelato il duello tra Mancuso e Loizzo. Vannacci rinuncia al seggio e Patricello va in Europa.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Claudio Durigon, responsabile per il Sud della Lega, è giunto in Calabria per incontrare i sei consiglieri regionali del Carroccio a Gizzeria. La richiesta di un incontro è nata in vista della ripresa delle attività del consiglio regionale e del rimpasto di giunta di Occhiuto. Nonostante le recenti adesioni di Katya Gentile e Giuseppe Mattiani, che hanno aumentato la presenza della Lega in consiglio, Durigon ha frenato le richieste di maggiori posti in giunta, promettendo solo che avrebbe parlato con Occhiuto.

Durigon ha ribadito l’importanza dei risultati elettorali di partenza, opponendosi a cambiamenti negli equilibri di potere. L’unica possibile concessione riguarda le presidenze di commissione di Gentile e Mattiani, originariamente acquisite sotto Forza Italia. La Lega, infatti, è già ben rappresentata con la presidenza del consiglio, l’assessorato al Welfare e ai Trasporti, e la gestione di enti come Sorical e Aterp.

I consiglieri regionali hanno chiesto maggiore coinvolgimento nelle scelte politiche del presidente e un incremento del loro peso politico nella maggioranza. Durigon, tuttavia, ha preso tempo anche sulla gestione interna del partito. Le recenti elezioni europee sono state viste come una sorta di primarie tra Filippo Mancuso e Simona Loizzo per la leadership della Lega in Calabria, ma da Roma non c’è fretta di accelerare il processo.

Unica novità, il generale Vannacci ha optato per il collegio del Nord Est, aprendo così la strada all’imprenditore molisano Aldo Patricello per rappresentare il Sud in Europa. Durigon ha annunciato che il congresso nazionale si terrà tra ottobre e novembre, senza urgenza di convocarlo in Calabria, poiché la competizione interna tra i leghisti calabresi sembra essere produttiva. Durigon ha concluso la visita con un ringraziamento ai consiglieri per i risultati ottenuti e ha promesso ulteriori discussioni future.

Print Friendly, PDF & Email