Lun. Lug 22nd, 2024

Il deputato Domenico Furgiuele della Lega solleva il problema delle condizioni precarie di oltre 4.000 lavoratori, proponendo un tavolo istituzionale per trovare soluzioni definitive e efficaci

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Dal momento che la politica delle chiacchiere e degli slogan continui non produce nulla, ho sentito il dovere di coscienza di presentare al ministro della funzione pubblica, Paolo Zangrillo, un’interrogazione sulla condizione umiliante che vivono da tempo i 4 mila tirocinanti di inclusione sociale in Calabria. Ho chiesto all’autorevole membro di governo, dal quale è giunta un’apertura concreta, se non ritenga opportuno avviare un tavolo istituzionale con tutte le parti coinvolte per addivenire ad una soluzione definitiva per i Tirocinanti di inclusione, reperendo le occorrenti risorse”. E’ quanto afferma, in una nota, il deputato Domenico Furgiuele, vicecapogruppo della Lega alla Camera. “Rammento che si tratta di personale – aggiunge Furgiuele – che svolge un ruolo fondamentale nelle amministrazioni calabresi ma che ad oggi non gode di alcun tipo di tutela nello svolgimento delle proprie mansioni; oltretutto, circa 2 mila Tirocinanti di inclusione sociale sono over 55anni e dunque più difficilmente ricollocabili nel mercato del lavoro. Con un recente intervento normativo sono stati stanziati 5 milioni di euro a decorrere dal 2024 autorizzando gli enti locali ubicati sul territorio della Calabria a bandire procedure selettive per l’accesso a forme contrattuali a tempo determinato e a tempo parziale di diciotto ore settimanali, della durata di diciotto mesi, alle quali sono prioritariamente ammessi i tirocinanti rientranti nei percorsi di inclusione sociale rivolti a disoccupati”. “Tuttavia dette risorse – sostiene ancora il parlamentare leghista – sono palesemente insufficienti per pensare di poter almeno lenire un malessere che offende migliaia di madri e padri di famiglia, ma che ferisce la civiltà del diritto del lavoro. Sono persuaso che la sensibilità del ministro competente e del governo nazionale sapranno dare risposte ben piu’ incisive di tanto girare a vuoto registratosi a livello territoriale.

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com