XXXIX EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ RUMORI MEDITERRANEI – SPECIALE LUGLIO

111

XXXIX EDIZIONE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ

 RUMORI MEDITERRANEI

La sessione estiva della XXXIX edizione del Roccella Jazz Festival sarà articolata in più sezioni e si svolgerà nei mesi di luglio ed agosto con una serie di concerti ed eventi di altissimo livello.

Si partirà con un prologo il 7 luglio e si continuerà con una rassegna che si svolgerà dall’11 al 13 luglio sul Waterfront del Lungomare Sisinio Zito. Le altre sezioni, invece, si terranno dal 12 al 24 agosto con concerti nelle tradizionali location (Teatro al Castello, Auditorium, Ex Convento dei Minimi, Palazzo Carafa, Porto delle Grazie, Waterfront Lungomare Sisinio Zito e Largo Colonne Rita Levi Montalcini). A completamento delle attività di agosto ci sarà la seconda edizione del Roccella Jazz Campus, con una programmazione ricca di master class (tenute dai migliori musicisti presenti al Festival), workshop, installazioni multimediali, seminari e mostre.

Saranno circa 148 i musicisti coinvolti. 45 quelli provenienti dall’estero (Stati Uniti, Venezuela, Serbia, Macedonia, Romania, Bulgaria, Albania, Cina, Inghilterra, Israele, Bosnia, Grecia, Scozia, Belgio). Più della metà dei concerti saranno prime assolute (8) e prime nazionali (4) su un totale di 23 concerti.

 

PROLOGO – OMAGGIO A DE ANDRE’

7 Luglio – Waterfront Lungomare Sisinio Zito

 

Il Festival avrà un prologo il 7 luglio con lo spettacolo “Come un’anomalia. Vent’anni senza Fabrizio De André”, della compagnia Il Teatro di Mu. A vent’anni dalla scomparsa, sarà un nuovo omaggio al cantautore genovese nella cittadina che ha ospitato il suo ultimo concerto dal vivo e segue di un anno quello che nel 2018 gli è stato dedicato dalla Premiata Forneria Marconi al Teatro al Castello. Lo spettacolo scritto da Salvo Corea e Marcello Barillà, con un ricco cast di attori e musicisti, si terrà nello splendido nuovo Waterfront del Lungomare che di recente è stato intitolato a Sisinio Zito, fondatore e presidente del Festival.

 

“IONIAN SEA WATERFRONT REVIEW”

11-13 luglio, Waterfront Lungomare Sisinio Zito Roccella Jonica

L’11, a quattro giorni di distanza, si proseguirà con la rassegna “JAZZ@THE WATERFRONT”, che durerà fino al 13 luglio. Sarà la seconda edizione e si terrà anch’essa nel nuovo Waterfront di Roccella Jonica, a non più di 10 metri dalla spiaggia che il Touring Club e Lega Ambiente hanno di recente giudicato la più bella della Calabria. Saranno tre giorni intensi di musica di qualità, con progetti all’insegna della sperimentazione e della novità, in un contesto ambientale di grande suggestione. Sei le formazioni ospitate, tra le quali anche alcune band affiancate da grandi protagonisti del jazz mondiale per dare forza e fascino ai progetti innovativi dei musicisti italiani. Stelle del jazz e della musica contemporanea come Arturo Annecchino e Joyce Elaine Yuille, infatti, saranno gli attrattori di questa sezione che si propone di presentare un universo musicale diverso dalla rassegna storica che, si terrà ad agosto e sarà dedicata, invece, al jazz proveniente dall’oriente.

Giorno 11, toccherà al quartetto di un veterano del jazz italiano aprire la seconda edizione, quello del batterista Aldo Bagnoni con il suo nuovo progetto “The connection”. Il poliedrico ed esperto musicista barese, infatti, proporrà un programma di brani che saranno compresi nel suo imminente lavoro discografico e sarà affiancato da tre figure di primo piano della scena jazzistica pugliese. Toccherà poi a una formazione guidata da Angelo Olivieri, uno dei più bravi trombettisti italiani, chiudere la serata con il suo progetto “Electric Sheep” che rimanda al mondo dei frattali e al film “Blade runner”, tratto da un romanzo di Philip K. Dick. Il band leader toscano proporrà un concerto ricco di groove diversi che, con l’aiuto dell’elettronica, si svilupperanno come algoritmi all’interno di generi come l’hip-hop e l’improvvisazione jazzistica per dar forma a un complesso frattale sonoro che si unirà al rumore di fondo delle onde proveniente dalla battigia di una delle più belle spiagge del Mar Jonio.

Giorno 12 toccherà al Chironomids electric dream di Giovanni Mancuso aprire la serata con “Jodorowsky’s eye” un tributo al geniale regista cileno Alejandro Jodorowsky. Quello di Mancuso  è un ensemble che fa della sperimentazione il proprio punto di forza e trova nel cinema una fonte di ispirazione. Lo stesso giorno, Arturo Annecchino, un altro sudamericano instancabile autore di produzioni per il cinema, la danza e il teatro, sarà il protagonista del secondo set. Il pianista e compositore venezuelano dirigerà, infatti, la sua Symphònia Band nell’esecuzione di “Missalaika”, un suggestivo progetto che esplora molte aree e generi della musica contemporanea.

Giorno 13, invece, sarà Raf Genovese, un nuovo talento del nostro paese, ad aprire la serata con il suo trio. Il giovane e talentuoso pianista siciliano presenterà un programma di brani del suo ultimo Cd insieme a due affiatati compagni di viaggio. La chiusura della rassegna sarà affidata al quartetto italiano della cantante Joyce Ealine Yuille che si è ormai stabilita nel nostro paese. Dalla star newyorchese sarà facile aspettarsi una performance all’insegna dell’eleganza e dell’esperienza.

 

RUMORI MEDITERRANEI 2019 – SEZIONE DI AGOSTO

EURASIAN SUMMIT – VERSO EST, AI CONFINI DEL JAZZ

La seconda sezione di Roccella Jazz dell’estate si terrà dal 12 al 24 agosto e avrà come ospiti, tra gli altri, i seguenti musicisti:

Saso Popovski – Daniele Sepe – Sorin Zlat – Dimitar Liolev – Gent Rushi – Lucilla Galeazzi – Mimmo Epifani – Claudio Cojaniz – Stiiepko Gut – Serena Brancale – Nicola Pisani – Antonio Farao’ – Guo Gan – Dave Liebman – Chris Caldwell – Gwilym Simcock – Noa – Bojan Z – Samuel Cromwell –  Roberto Masotti e TAI No-Orchestra – Clifton Anderson.

                                                              

Vincenzo Staiano

Direttore Artistico Roccella Jazz Festival

 

 

 

 

 

 

SPECIALE LUGLIO
7 luglio – Waterfront Lungomare Sisinio Zito

“COME UN’ANOMALIA. VENT’ANNI SENZA FABRIZIO DE ANDRÉ

Compagnia del Teatro di MU

Special guests: Boto Cissokho, kora e Maria Carmen Mendolia, voce

Claudia OlivadeseEmanuela Gemelli, Gianpaolo Negro

Salvatore Emilio Corea, regia e voce

MarcelloBarillà, voce e chitarra

Alessandro Ansani, piano, tastiere, “Fender Rhodes”, chitarra classica

 Christian Buffa, basso e contrabbasso

Annamaria Schipani, violino

 Massimiliano Rogato, chitarre

Emanuele Russo, batteria e percussioni

 
JONIAN SEA WATERFRONT REVIEW

11-13 luglio 2019

11 Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 21.30  Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 22.30
ALDO BAGNONI  “THE CONNECTION”

 

Aldo Bagnoni, batteria, composizioni, arrangiamenti

Emanuele Coluccia, sax tenore e soprano, flauto

Giampaolo Laurentaci, contrabbasso

Mauro Tre, pianoforte, tastiere

“ELECTRIC SHEEP”

 

Angelo Olivieri, tromba,

Vincenzo Vicaro, sassofono

Lewis Saccocci, tastiere, electronics

Riccardo Di Fiandra, basso

Daniele Di Pentima, batteria

Joe Nize, voce

12 Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 21.30 Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 22.30
  “JODOROWSKY’S EYE”

CHIRONOMIDS ELECTRIC DREAM

 

Vida Borojevic, Giovanni Mancuso, sintetizzatori
Gaia Sessa, arpa elettrica
Elia Biasi, trombone
Raul Catalano, batteria
Alessio Ghezzi, batteria e vibrafono
Marco Centasso, basso elettrico
Composizoni di Giovanni Mancuso

 

“MISSALAIKA”

SYMPHòNIA BAND

 

Arturo Annecchino, pianoforte

Martina Sciucchino voce

 Simone Stopponi, chitarra elettrice e voce,

 Luca Costantini, batteria

 Luca Annessi, tastiere e sint,

 Emanuele (Lillo) Ranieri, basso elettrico   

13 Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 21.30 Waterfront Lungomare Sisinio Zito ore 22.30
  RAFFAELE GENOVESE TRIO

 

Raffaele Genovese, pianoforte

Carmelo Venuto, contrabbasso

Emanuele Primavera, batteria

 

JOYCE ELAINE YOUILLE QUARTET

 

Joyce Elaine Youille, voce

Daniele Gorgone, pianoforte

Marco Piccirillo, contrabbasso

Fabrizio Fiore, batteria

 

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.