Gio. Lug 18th, 2024

La 499P di Maranello conquista il primo posto, emozione e orgoglio in Calabria per il successo del pilota di Cariati

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La Ferrari ha brillato nella quarta prova del Mondiale Endurance, con un trionfo spettacolare alla 24 Ore di Le Mans. La 499P numero 50, guidata dal calabrese Antonio Fuoco, insieme a Miguel Molina e Niklas Nielsen, ha tagliato per prima il traguardo in una delle corse più iconiche del motorsport. Questo successo non solo ha segnato un momento storico per la scuderia di Maranello, ma ha anche acceso festeggiamenti in Calabria, in particolare a Cariati sullo Jonio cosentino, città natale di Fuoco.

Sul podio, la Ferrari numero 50 è stata seguita dalla Toyota numero 7 di Mike Conway, Kamui Kobayashi e Nyck De Vries, e dall’altra hypercar italiana, la Ferrari 499P numero 51, pilotata da Antonio Giovinazzi, James Calado e Alessandro Pier Guidi. Questo doppio piazzamento ha reso la vittoria ancora più dolce per i tifosi della Ferrari, bissando il successo dell’edizione precedente e confermando la supremazia delle Rosse di Maranello.

La gara ha visto la partecipazione di 186 piloti rappresentanti i marchi più prestigiosi del motorsport mondiale. Dietro le Ferrari e la Toyota, al quarto posto si è classificata una Porsche, seguita al quinto posto da un’altra Toyota. Dopo un’intensa giornata di competizione, il team Fuoco-Molina-Nielsen ha regalato alla Ferrari un nuovo capitolo di gloria, sottolineando ancora una volta la leggenda delle Rosse nel panorama delle corse endurance.

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com