Sab. Lug 13th, 2024

Alla festa dell’Anpi a Bologna, la reazione all’avanzata delle destre a Parigi è stata indicata come modello da imitare. In Calabria, il centrosinistra cerca di riunirsi sotto il vessillo del No all’Autonomia differenziata, con la possibilità di attrarre Azione nel campo progressista.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Alla festa dell’Anpi a Bologna, la reazione all’avanzata delle destre a Parigi è stata indicata come modello da imitare. Sul palco mancavano renziani e calendiani, ma a queste latitudini la possibilità di attrarre Azione nel campo progressista sembra avere qualche chance in più. Allons enfants. Il centrosinistra italiano è paradossalmente galvanizzato da quello che sta succedendo in Francia. L’avanzata delle destre e la desistenza che tutte le altre forze dell’arco costituzionale stanno mettendo in campo per fermare l’avanzata dei lepenisti è modello da imitare. Lo hanno detto l’altra sera un po’ tutti quando a Bologna si sono trovati uniti sul palco della festa dell’Anpi. Lo ha ribadito la segretaria del Pd Elly Schlein in un’intervista a “La Stampa” per la quale la sinistra francese è un modello da seguire. Non litighiamo più fra noi, l’obiettivo ultimo è quello di fermare il centrodestra.

Anche in Calabria il centrosinistra capisce che il momento è quello giusto. Qui non c’è il pericolo dell’avanzata di una destra radicale, ma il cemento di un campo che nessuno è riuscito per ora ad arare sta nella netta contrarietà di ampi strati della società al Sud all’autonomia differenziata.

Su questo, i sindaci delle città capoluogo (tutti di centrosinistra) hanno incalzato Roberto Occhiuto chiedendogli di aderire all’iniziativa delle altre regioni per chiedere un referendum abrogativo della legge. A stretto giro, le opposizioni in consiglio regionale hanno annunciato un’iniziativa pubblica alla quale parteciperanno i capigruppo di opposizione Bevacqua (Pd), Tavernise (M5s), e Lo Schiavo (Misto) per fare in modo che anche Palazzo Campanella si unisca alla mobilitazione già avviata nelle altre regioni per il referendum abrogativo. L’iniziativa pubblica è prevista per il prossimo 11 luglio e registrerà la partecipazione del segretario regionale Nicola Irto e del senatore Alessandro Alfieri, responsabile per le Riforme in seno alla segreteria nazionale del Pd. Ma soprattutto è aperta anche a tutte le forze sociali che si ritrovano nella battaglia contro la riforma. Se a Bologna, però, sul palco mancavano i centristi di Renzi e di Calenda, qui in Calabria la possibilità di attrarre Azione nel campo progressista sembra avere qualche chance in più. È vero che oggi i consiglieri Graziano e De Nisi sono saldamente ancorati al centrodestra di Occhiuto, ma proprio mentre le opposizioni annunciavano la loro manifestazione, i calendiani diffondevano un documento durissimo contro il Ddl Calderoli definendolo senza troppi giri di parole «una porcata». La nota prende spunto dall’iniziativa del Veneto, già pronto a chiedere l’autonomia sulle materie fuori dai Lep, per arrivare alla conclusione che «falsi patrioti e sovranisti ci hanno raccontato solo frottole». Il riferimento è evidentemente a Fratelli d’Italia e Lega, partiti con cui ora Azione fa squadra. Verrebbe da chiedersi politicamente come si regge questa cosa, anche se il centrodestra calabrese tutto brilla per una certa incoerenza sul tema. I più infastiditi, però, sembrano proprio quelli di Azione e così dalle parti delle opposizioni in consiglio regionale oggi qualcuno fa conti e sogni sugli allargamenti verso il centro della sinistra e verso la sinistra-sinistra del miracolo Avs per costruire un rassemblement contro la destra di Occhiuto.

Print Friendly, PDF & Email