Lun. Lug 15th, 2024

Il Comune di Camini, insieme alla Galleria studio d’arte Duçi Contemporanea e alla Pro Loco, inaugura una stagione estiva di cultura con il primo evento dedicato ad Antonella Agnoli e al suo libro “La casa di tutti

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Antonella Agnoli e il suo “La casa di tutti. Città e biblioteche”, edito da Laterza, saranno i protagonisti della prima serata di incontri con l’autore, organizzati dal Comune di Camini, in collabotazione con la Galleria studio d’arte Duçi Contemporanea’ e la Pro Loco cittadina. L’iniziativa da’ il via ad una stagione estiva ricca di momenti culturali, che vedranno il borgo di Camini accogliere diversi autori, in uno spazio d’arte unico, quale è la galleria Duçi Contemporanea. L’evento, che si terrà venerdì 14 giugno, alle ore 18.00, nella corte della Galleria Duçi, in via Dante, n. 28, voluto dall’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Pino Alfarano, intende risvegliare l’interesse per Camini e suscitare un’attenzione particolare verso i libri e la lettura. Dialogherà con l’autrice Chiara Scolastica Mosciatti e insieme al pubblico si discuterà di città, biblioteche e cittadinanza attiva.

NOTA SUL LIBRO

“Il grande tema dei prossimi anni è generare una città capace di cura. Per farlo serve necessariamente una nuova generazione di servizi collaborativi, ben collocati sul territorio, che di queste nuove comunità possono essere stimolo e infrastruttura di supporto” (A. Agnoli, La casa di tutti. Città e biblioteche, p. 55). Tra questi servizi, un ruolo importante è giocato dalle biblioteche, pensate non solo come deposito e prestito di libri, ma come luoghi aperti e accessibili a tutti e per le più svariate attività, luoghi che favoriscono non solo l’assorbimento, ma anche la produzione di cultura, la (ri)connessione di bisogni e interessi, senza separazioni artificiose tra ciò che è cultura e ciò che non lo è, così come tra culturale e sociale. La biblioteca va cioè intesa, appunto, come casa di tutti, sostiene Antonella Agnoli nel suo bel libro con questo titolo edito da Laterza. Un lavoro basato non solo sulla sua esperienza diretta di direttrice e inventrice di biblioteche in Italia, ma sulla sua conoscenza di esperienze straordinarie in questo campo in giro per il mondo. 

NOTA SULL’AUTRICE
Antonella Agnoli è una instancabile viaggiatrice tra persone e libri. Le sue mete sono i luoghi della conoscenza condivisa, in Italia e nel mondo. I suoi interlocutori sono coloro che li progettano, li amministrano, li frequentano. Con Laterza ha pubblicato Le piazze del sapere (2014) che ha cambiato il modo di pensare alle biblioteche e alla città, e La casa di tutti. Città e biblioteche (2023). Dal 1977 al 2000 è stata la fondatrice e direttrice della Biblioteca di Spinea (Venezia). Dal 2001 al 2008 ha progettato per il Comune di Pesaro la nuova biblioteca della città, di cui è stata direttore scientifico. Negli ultimi dieci anni ha collaborato con vari architetti alla progettazione di biblioteche in molte città italiane e svolto un’intensa attività di formazione dei bibliotecari in tutta Italia. E’ membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituzione Biblioteche di Bologna, dell’Associazione Forum per il Libro. È stata consulente di numerosi comuni dove, a diverso titolo, ha lavorato per la definizione del progetto culturale, formazione del personale, ristrutturazione o nuova edilizia bibliotecaria, progettazione biblioteconomica e culturale.

Print Friendly, PDF & Email