Sab. Lug 13th, 2024

Il magistrato calabrese guiderà una delle Dda più attive contro le infiltrazioni della ‘ndrangheta al Nord

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Giovanni Bombardieri è stato nominato nuovo procuratore di Torino dal plenum del Consiglio Superiore della Magistratura (Csm), con una sola astensione. Bombardieri, originario di Riace e 61enne, lascerà la guida della procura distrettuale di Reggio Calabria per assumere l’incarico nel capoluogo piemontese, dove guiderà una delle Direzioni Distrettuali Antimafia (Dda) più attive nel contrasto alle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel Nord Italia.

Con una carriera in magistratura iniziata nel 1989, Bombardieri ha ricoperto vari ruoli di rilievo. È stato giudice al Tribunale di Locri dal 1990 al 1995 e sostituto procuratore della Dda di Roma fino al 2012. Successivamente, il Csm lo ha nominato procuratore aggiunto di Catanzaro, incarico mantenuto fino al 2018 quando è stato nominato procuratore di Reggio Calabria.

Durante il suo mandato a Reggio Calabria, Bombardieri ha coordinato numerose inchieste significative contro la ‘ndrangheta, confermandosi come una figura centrale nella lotta alla criminalità organizzata. La sua nuova nomina a Torino rappresenta un’importante sfida, in una procura che ha un ruolo cruciale nel contrasto alle mafie al Nord.

Print Friendly, PDF & Email