Gio. Lug 18th, 2024

L’eroina ha ripreso ad essere consumata dai tossicodipendenti per via del prezzo inferiore a cui viene venduta rispetto alla cocaina

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Questo titolo cattura il tema principale dell’articolo, che riguarda il ritorno del consumo di eroina nella zona antistante il borgo antico di Cosenza, precisamente tra il Lungo Busento e piazza Amendola. Cinque persone sono finite sotto inchiesta, tra cui tre finite in carcere e due agli arresti domiciliari o con obbligo di firma. L’indagine dei carabinieri della compagnia bruzia, guidata dal tenente colonnello Antonio Quarta, è stata motivata da gravi indizi di colpevolezza emersi dalle intercettazioni e dai pedinamenti condotti, che hanno rivelato cessioni di sostanze stupefacenti nel centro urbano di Cosenza.

Il ritorno dell’eroina tra i tossicodipendenti è attribuito al suo prezzo inferiore rispetto alla cocaina, soddisfacendo così le richieste degli assuntori. Gli indagati proclamano la propria innocenza mentre l’inchiesta è stata coordinata dal procuratore aggiunto Antonio D’Alessio e dal pm Maria Luigi D’Andrea.

Si tratta di Alberto Prisco (Cosenza, classe 1976), Eugenio Bozzo (Cosenza, 1996) e Andrea Tornelli (Cosenza, 1999), finiti in carcere; Pietro Alessio, assegnato agli arresti domiciliari e Pio Illuminato (trentenne cosentino) cui è stato imposto l’obbligo di firma.

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com