Ven. Lug 19th, 2024

Sarebbero almeno due le vittime dell’incendio sviluppatosi nel centro storico di Cosenza. Secondo quanto si è appreso all’interno dell’appartamento, da cui il fuoco ha avuto origine, viveva un nucleo familiare disagiato che occupava abusivamente i locali, di proprietà di Roberto Bilotti. Il nucleo è composto da due uomini e una donna. I corpi di due persone carbonizzate sarebbero state rinvenute dai vigili del fuoco. Si tratterebbe appunto di due fratelli.

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Il rogo si è propagato nella storica residenza Ruggi d’Aragona, sede di un importante patrimonio culturale oltre che costituire la parte centrale del primo albergo diffuso del centro storico cosentino con otto posti letto, in due suite. L’edificio, risalente all’anno Mille, custodisce infatti importanti quadri e fotografie delle più antiche famiglie nobiliari del territorio, testi originali del 1500, alcuni dei quali di Bernardino Telesio, oltre a mobili e piatti risalenti al 1400 e strumenti musicali. Ora si teme che questi pezzi unici possano essere andati distrutti nel rogo.

(FONTE OTTOETRENTA)

Print Friendly, PDF & Email

Di

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com