Mar. Giu 18th, 2024

Politici di Centrodestra nel Mirino: Coinvolti Anche Giornalisti di Domani

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Procura di Perugia su presunte attività di dossieraggio, è emerso che tra le centinaia di interrogazioni alle banche dati riservate vi erano anche ricerche riguardanti il governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, e Marta Fascina, deputata di origini calabresi e ex compagna di Silvio Berlusconi. Queste interrogazioni sono state considerate abusive e contestate al luogotenente della Guardia di Finanza Pasquale Striano, coinvolto nell’inchiesta.

Si è scoperto che Striano si sarebbe concentrato principalmente su esponenti politici di centrodestra, tra cui il ministro della Difesa Guido Crosetto, i ministri delle Imprese Adolfo Urso e dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida (cognato della premier Giorgia Meloni), il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giovanbattista Fazzolari e altri. Anche nomi come l’ex premier Matteo Renzi, l’ex parlamentare Denis Verdini, e l’ex presidente della Camera Irene Pivetti sono stati coinvolti nelle indagini.

Oltre ai politici, sono stati coinvolti anche alcuni giornalisti, tre dei quali del quotidiano Domani. A Giovanni Tizian, Nello Trocchia e Stefano Vergine viene contestato il loro coinvolgimento nelle attività abusive attribuite a Striano, utilizzandolo come fonte per verificare informazioni acquisite altrove.

Complessivamente, sono stati contestati circa 800 accessi abusivi a Striano, avvenuti dal 2020 in poi. Resta da chiarire l’obiettivo di questa vasta attività di dossieraggio condotta mentre Striano era in servizio presso la Direzione nazionale antimafia, nel gruppo dedicato all’elaborazione delle segnalazioni economico-finanziarie sospette.

Print Friendly, PDF & Email