Gio. Lug 18th, 2024

Una giornata choc di sangue e violenza nel carcere di Paola. L’ha ricostruita e raccontata in un lungo comunicato Salvatore Panaro, vicesegretario regionale per la Calabria del Sappe – Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. “All’atto dell’apertura di una cella, un detenuto, senza alcun motivo, si è scagliato contro l’Agente di servizio, aggredendolo, afferrandolo per il collo e spingendolo per diversi metri. Sembrerebbe che l’aggressore sia affetto da problematiche psichiatriche: per fortuna, il collega è riuscito a divincolarsi dall’aggressione, anche grazie all’intervento di un altro detenuto presente intervenuto in soccorso all’unità di polizia penitenziaria”. Ma, prosegue il sindacalista, proprio il fatto che era intervenuto a difesa di un Agente, quel detenuto è stato successivamente aggredito da altri detenuti e questo episodio riveste carattere di gravissima rilevanza”.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Per Panaro, “occorrerebbe che i detenuti violenti, che pensano il carcere come luogo di villeggiatura dove poter commettere reati, vengano trasferiti immediatamente fuori regione.
Negli ultimi tempi stiamo assistendo ad un cambiamento sociale, dove il male è visto come bene e viceversa, dove all’esterno del carcere il reato è cattivo ed all’interno chi ha commesso reato sia buono. È giunto il momento di dire basta al finto buonismo. I detenuti che trasgrediscono le regole o peggio ancora che aggrediscono la Polizia Penitenziaria devono essere perseguiti a norma di legge ma soprattutto scardinati dal contesto ove si sentono appoggiati da altri reclusi amici e quindi forti di
questo, non esitano a commettere altri reati”.

Per questo, conclude il sindacalista del Sappe, “il Dipartimento dell’amministrazione Penitenziaria e gli organi Statali preposti devono assumersi le responsabilità ed attuare, ognuno per la parte di propria competenza, azioni mirate a dare garanzia di intervento al corpo di Polizia penitenziaria che opera nell’ultima trincea della giustizia. Il SAPPE valuterà ogni forma di tutela anche in sede giudiziaria dei colleghi aggrediti e minacciati”.

“La denuncia del SAPPE: “Nel Distretto penitenziario calabrese, nel solo primo quadrimestre del 2024, una marea di eventi critici tra le sbarre delle carceri
regionali: 236 resistenze ed ingiurie, un atto intimidatorio contro un Agente, 12 proteste collettive con battitura. Ben 76 i poliziotti feriti con prognosi fino a 7 giorni, 2 con prognosi di oltre i 20 giorni”. Necessari, pertanto, “provvedimenti urgenti”, a cominciare da “un inasprimento di pena per i detenuti che aggrediscono il personale di Polizia Penitenziaria durante la permanenza e l’espiazione di pena in carcere”.

rainews.it

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com