Mer. Lug 17th, 2024
dav

Scrivo facendo seguito alle rilevazioni fonometriche eseguite in data 7 ottobre 2019  dall’ARPACAL – Dipartimento di Reggio Calabria Servizio Radiazioni/Rumore in una zona di Lazzaro ove transita la Ss 106, trasmessa dall’ANCADIC alle competenti istituzioni il  9 ottobre 2019 per invitare l’Ente competente, in questo tratto di strada  il  Comune  di   Motta   San   Giovanni,  ad adottare   gli  interventi  di  specifica competenza per eliminare l’inquinamento acustico che crea grave disturbo alla popolazione, soprattutto in estate e in particolare di notte.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’ANAS per quanto di sua competenza con pec del 2 novembre 2017 ci ha comunicato di essere in attesa delle concertazioni e l’approvazione del Piano depositato e la conseguente erogazione dei finanziamenti per procedere alle progettazioni esecutive e alla esecuzione degli interventi di risanamento, che saranno programmati con una graduatoria di merito stabilita secondo i dettami normativi.

In sintesi, dalla lettera  dell’ANAS  del 2 novembre 2017  apprendiamo che il Comune di Motta San Giovanni a quella data non avrebbe approvato il Piano trasmesso dall’ANAS in data  2 ottobre 2013 comprensivo di concessione edilizia  e quindi la stessa Azienda  non avrebbe potuto inserire questi interventi nel Piano nazionale di finanziamenti. Se così fosse cosa molto grave.

Per quanto sopra esposto si invita  l’Ente competente a rimuovere con immediatezza l’inquinamento acustico resistente nella località in trattazione e si chiede di voler far conoscere l’esito della Conferenza  Unificata la cui prima riunione tecnica si è svolta  in data 28 maggio 2019 notiziandoci sui finanziamenti richiesti e ottenuti per tale intervento.

Dalla disamina della documentazione pervenuta dall’ANAS all’ANCADIC riscontriamo altresì  la  comunicazione  del  15.11.2019  del Ministero dell’Ambiente e

della Tutela del Territorio e del Mare ex Direzione  Generale  per i rifiuti  e l’inquinamento –  Divisione IV inquinamento atmosferico, acustico ed  elettromagnetico

nella quale tra l’altro leggiamo che:” dall’istruttoria svolta  dalla scrivente risulta che il Piano degli interventi di contenimento dell’ abbattimento del rumore  di ANAS S.p.A  presentato  al Ministero dell’Ambiente  nel 2007 ed attualmente  in corso di approvazione in sede di conferenza Unificata, è stata individuata un’area di intervento  denominata  AI180234, che comprende anche il ricettore sensibile in questione. L’intervento  previsto è particolarmente complesso in quanto si estende dal km. 16+198 al km. 19+103 e consiste nella stesa di una pavimentazione a bassa emissione acustica per una lunghezza di oltre 2.800 m, di barriere antirumore per una lunghezza  complessiva di 672 m con altezza variabile  dai 2 ai 5 m, da due coppie di limitatori di velocità (autovelox) e da diversi interventi  diretti sui  ricettori, tra i quali la scuola in oggetto (scuola elementare D.Cuzzupoli via Stazione), per la quale il Gestore riferisce che, in sede di progettazione esecutiva, valuterà la soluzione più idonea”. Quindi da quanto si legge in questa comunicazione il Piano di contenimento  antirumore è stato redatto nel 2007 quindi 16 anni orsono. Chi paga i danni ai cittadini l’ANAS o il Comune?

Visto gli anni infruttuosamente trascorsi, giova ripetere che:” mentre il medico studia il malato se ne va”.

Vincenzo CREA

 Referente unico dell’ANCADIC

e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

Print Friendly, PDF & Email