Gio. Lug 18th, 2024

Sarebbero 66 i migranti dispersi a causa del ribaltamento di una barca a seguito di un’esplosione avvenuta a circa cento miglia dalle coste calabresi.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Secondo quanto ricostruito, il naufragio ha interessato una barca a vela partita presumibilmente dalla Turchia. Tra loro c’erano, secondo i testimoni, almeno 26 bambini; una giovane donna è morta dopo lo sbarco. In soccorso dell’imbarcazione è giunto un mercantile che ha trasferito 12 superstiti su un’unità della Guardia costiera che è poi approdata a Roccella Ionica.

Mentre a Lampedusa il veliero Nadir della Ong Resqschip ha trainato l’imbarcazione con 10 cadaveri nella stiva. Questo avviene a due giorni dalla “Giornata Mondiale del Rifugiato”.

Tutto ci riporta alla strage dei migranti a Steccato di Cutro e alle parole del Ministro Piantedosi che in quell’occasione, dimostrando un enorme disprezzo di ogni senso di umanità, affermava che i bambini muoiono per colpa dei genitori, perché la “disperazione non giustifica viaggi che mettono in pericolo i figli”.

Quello che fa specie è la falsa solidarietà e la pietà di facciata che viene espressa in questi momenti drammatici da uomini e donne delle istituzioni nazionali e regionali. Infatti, tutto ciò fa a pugni con le affermazioni della Meloni e di esponenti del suo governo, nei confronti dei disperati della terra, rappresentati come “carico residuale” o “sbarco selettivo”, di qualche mese fa. 

E’ evidente che non provano alcuna vergogna! Come non ricordare le ipocrisie degli stessi esponenti del governo – segnatamente la Meloni e il suo ministro Piantedosi – che nel mentre si consumava la tragedia di Cutro, affermavano che il governo “è impegnato a impedire le partenze e con esse il consumarsi di queste tragedie, e continuerà a farlo”.

Perché non sarebbe difficile comprendere che gli esseri umani, tra cui bambini, salgono sui barconi sgangherati non per traversare il mare per venire in Italia in vacanza, ma per scappare dalla fame, dalla povertà e dalle guerre che l’opulento occidente capitalista provoca con la vendita di armi, come fa l’italiana Leonardo, e con lo sfruttamento degli esseri umani e di ogni fattispecie di risorsa naturale.

Comprende bene il governo italiano che impedire la partenza equivale ad una condanna a morte, come è già avvenuto con il decreto Minniti – esponente di prima fila del Pd – che ha contribuito attraverso gli accordi con la Libia al proliferare di quei lager libici nei quali venivano e vengono rinchiusi i migranti.

Così come sa bene il governo Meloni, quando sostiene la tesi dei “trafficanti di uomini”, che quando si mettono sullo stesso piano coloro che realizzano profitto sulla disperazione e quelli che salvano le vite, come le ONG, il risultato non può essere che la morte in mare.

Ma nonostante ciò si approva una legge contro le ONG.

Il risultato che si ottiene è quello di impedire che si organizzi un sistema adeguato, di mezzi e uomini, per il salvataggio in mare.

Quello che conta per le istituzioni europee, nazionali e locali, è fomentare la guerra tra poveri, per distogliere dai reali interessi del capitalismo, che continuano ad essere quelli di sempre: lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e del pianeta terra in tutte le sue componenti, per accumulare ulteriore capitale.

comunicato POTERE AL POPOLO

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com