Mer. Lug 17th, 2024

Il presidente ha affrontato le domande dei giornalisti esaminando i temi chiave che coinvolgono la Calabria. Riguardo alla prospettiva di un secondo mandato, ha dichiarato: “Non ritengo di avere la forza necessaria”.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’incontro informale di saluto e auguri prenatalizi del presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto si è trasformato in una sessione di domande e risposte davanti a un nutrito gruppo di giornalisti calabresi e agli occhi delle telecamere.

Durante l’interrogatorio, il governatore ha affrontato diverse questioni cruciali che riguardano la Calabria. Ha esaminato la situazione del porto di Gioia Tauro, esprimendo fiducia nella preservazione delle sue funzioni e prerogative a livello europeo. Ha inoltre discusso dei recenti finanziamenti destinati ai sistemi di trasporto su gomma e su rotaia, derivanti dai fondi di coesione e destinati alla realizzazione del ponte sullo Stretto.

Senza anticipare i dettagli delle prossime opere per il 2024, Occhiuto ha annunciato la sua intenzione di rimanere alla guida della Cittadella per i prossimi tre anni, escludendo qualsiasi prospettiva di coinvolgimento politico a livello europeo o nazionale. Ha chiarito che non intende ricandidarsi al termine del suo mandato, sottolineando il desiderio di continuare a servire come presidente della Regione Calabria per il periodo stabilito.

Il presidente ha condiviso riflessioni sul suo impegno passato, ricordando il suo ruolo come capogruppo di Forza Italia e il suo impegno a fare il presidente della Regione Calabria anziché optare per una carriera parlamentare europea. Ha sottolineato la sua priorità nell’affrontare le emergenze e attuare riforme significative per migliorare la regione, citando esempi come la riforma sui rifiuti e l’attenzione mediatica positiva ottenuta per iniziative come l’utilizzo dei droni e la demolizione di ecomostri.

Infine, Occhiuto ha evidenziato l’importanza del ponte sullo Stretto come catalizzatore di investimenti e ha respinto le critiche, affermando che dire no al ponte significa opporsi al progresso. Ha difeso la decisione di contribuire finanziariamente al progetto, sottolineando che ciò ha permesso di sbloccare risorse fondamentali per altri importanti lavori infrastrutturali. Il presidente ha concluso affermando che il ponte rappresenta un elemento chiave per il futuro sviluppo della Calabria.

Print Friendly, PDF & Email