Sab. Lug 20th, 2024

Il sindaco, l’assessore Romeo e il consigliere delegato Latella hanno preso parte al foyer del teatro Cilea alla consegna del premio all’ex esterno offensivo amaranto che oggi è allenatore del Mantova

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Premio Stefano Viola nel foyer del teatro Francesco Cilea. Alla terza edizione dell’evento hanno partecipato il sindaco Giuseppe Falcomatà, insieme all’assessore Carmelo Romeo, il consigliere comunale delegato allo sport, Giovanni Latella, insieme ai presidenti regionali dell’Aiac, Girolamo Mesiti e Giuseppe Pasquale Sorgonà.

Nell’occasione, Davide Possanzini, indimenticato giocatore della Reggina e oggi allenatore del Mantova, neo promosso in serie B, ha tenuto una lezione tecnica su “Principi di gioco, attraverso il gioco”.

Nel promuovere le iniziative dell’Aiac, il sindaco non ha potuto far altro che soffermarsi proprio sulla presenza di Possanzini, giustappunto nell’anniversario del 25° anno della prima promozione in serie A della Reggina che vide l’attaccante protagonista di una stagione formidabile della compagine amaranto.

“E’ uno degli eroi di quel tempo”, ha detto Falcomatà ricordando la squadra che “ci ha condotti a quella prima, storica e indimenticabile serie A. Quella – ha aggiunto – fu una conquista per l’intera città non solo da un punto di vista sportivo. Da lì, infatti, partì in concreto una primavera reggina che, attraverso lo sport, consentì al territorio un rilancio sul piano sociale, economico, d’immagine ed una riconoscibilità fuori dai confini locali e nazionali.

A distanza di tempo – ha affermato il sindaco – dobbiamo rendere omaggio a chi ci ha consentito una crescita inaspettata ed una serie A alla quale, forse, un po’ tutti ci eravamo abituati. Oggi rimpiangiamo quegli anni. La presenza di Possanzini, dunque, serve a ricordarci chi siamo stati e chi possiamo tornare ad essere. E’, in qualche modo, una spinta. E’ un onore averlo qui e ringrazio, per questo, l’Aiac ed i presidenti Sorgonà e Mesiti”.

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com