Ven. Lug 12th, 2024

Dopo aver partecipato, nella giornata di ieri all’inaugurazione della nuova sede della Lega in pieno centro a Sant’Eufemia d’Aspromonte, il sottosegretario al Lavoro ed alle politiche sociali Claudio Durigon è intervenuto all’iniziativa del partito del Carroccio, svoltosi a Reggio Calabria, dal titolo: “Ponte sullo Stretto Opera territoriale. Perché è un’opera territoriale, perché vogliamo un’opera territoriale” che si è svolto nel palazzo del Consiglio regionale. Numerosi gli interventi registrati, a partire dal presidente del Consiglio regionale, Filippo Mancuso al sindaco facente funzioni della Città Metropolitana, Carmelo Verace.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Per il il sottosegretario al Lavoro ed alle politiche sociali Claudio Durigon, il ponte sullo Stretto è un’opera fondamentale per far ripartire la Calabria, la Sicilia e tutto quanto il Sud. È un’opera strategica che deve essere abbinata, come è stata abbinata, a tantissime altre opere che possano in qualche modo rilanciare questo nostro territorio.

“Il lavoro – ha sottolineato Durigon – è la cosa primaria. Penso che l’orientamento, la formazione siano essenziali per essere pronti a questa grande sfida che è la costruzione del ponte, uno degli obiettivi primari che dobbiamo mettere in campo. Anche oggi nel Pnrr, e purtroppo siamo in ritardo su tante attività. Mi riferisco alle professionalità necessarie per quest’opera. Il lavoro sta cambiando e, perché no, oggi il lavoro è un opportunità importante che abbraccia ogni aspetto della vita di ciascuno”.

Mancuso: “Il Ponte rappresenta un’opportunità per la Calabria

Mentre per il Presidente del Consiglio regionale della Calabria, Filippo Mancuso, il Ponte rappresenta un’opportunità per la Calabria perché non è da considerare solo un’opera infrastrutturale fondamentale per questo territorio, ma rappresenta anche un forte attrattore in ambito ingegneristico e in quello turistico, e per quello che si potrà realizzare interno al ponte per tutte le altre infrastrutture calabresi. “Non si può pensare al ponte – ha spiegato ancora Mancuso – con una SS106 ancora ad una carreggiata, o immaginare un ponte con l’attuale tracciato ferroviario jonico, ancora non elettrificato, per non parlare dell’Alta Velocità o l’autostrada del Mediterraneo che non è stata mai al cento per cento pienamente e adeguatamente percorribile”. “Penso – ha concluso il presidente del Consiglio regionale – che sia certamente un’opera da realizzare e dalla quale la Calabria ne potrà trarre soltanto benefici”.

Versace: “Ponte sullo Stretto sia unione per le infrastrutture che oggi mancano”

“Vorrei rimarcare la pochissima attenzione che hanno avuto, negli ultimi decenni, tutti i governi che si sono succeduti rispetto ad una mancanza di programmazione in tema di infrastrutture. Mi riferisco all’alta velocità e all’alta capacità ferroviaria, ai lavori di ammodernamento della SS 106, alla trasversale Bovalino-Bagnara, solo per ricordare qualche esempio che riguarda l’area metropolitana di Reggio Calabria. Quando si parla di infrastrutture, come quelle sul Ponte sullo Stretto, per quanto mi riguarda mi troverete sempre d’accordo, perché infrastrutture significa prospettiva, sviluppo, significa pensare di poter crescere”. Così il sindaco metropolitano facente funzioni di Reggio Calabria, Carmelo Versace,

“L’attenzione che in questo momento c’è sul Ponte sullo Stretto – ha aggiunto Versace – deve essere focalizzata come elemento di unione con tutte quelle infrastrutture che purtroppo, ancora oggi, non sono presenti sui nostri territori. La mia posizione sul Ponte l’ho chiarita sin dall’inizio – ha concluso – sono favorevole dentro però ad un contesto più largo di sistema infrastrutturale che purtroppo, ancora ad oggi, latita”.

Print Friendly, PDF & Email