Mer. Lug 24th, 2024

A piazza San Giovanni, secondo gli organizzatori, presenti 100mila persone. Il sindaco (sospeso) di Riace: «È giusto essere qui oggi. Vivo in una libertà condizionata, ma rifarei tutto» 

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

 Sono state 100mila, secondo gli organizzatori, le persone scese in piazza oggi a Roma per la manifestazione “Indivisibili”, organizzata da numerosi movimenti e associazioni, per protestare contro il governo, il razzismo e il decreto Salvini. A fare la stima dei presenti al corteo, sono stati gli organizzatori dal palco allestito al termine della manifestazione in piazza San Giovanni. Sul palco è intervenuto di nuovo, tra gli altri, il sindaco di Riace, Mimmo Lucano. «Oggi mi sento uno di voi. Una folla immensa che chiede umanità. È giusto essere qui oggi. Sono sicuro che esiste un’umanità differente dal clima di barbarie e disumanità che oggi c’è in Italia». Lo ha detto Domenico Lucano, sindaco di Riace, a piazza San Giovanni dov’è terminato il corteo contro il razzismo. Lucano ha poi ricordato di «non poter tornare a casa: vivo una libertà condizionata» ha detto. Di certo però «rifarei tutto mille volte per la causa dei rifugiati che sono i nuovi poveri, i proletari. Bisognerebbe cacciare la parola clandestino dal vocabolario». Parole accolte da applausi e cori: «Mimmo, Mimmo» «Siamo tutti Mimmo Lucano» e «Mimmo Libero».

 

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com