Mer. Lug 17th, 2024

Dopo l’aggiunta in tutta fretta del nono punto all’o.d.g, relativo alla problematica 5G, inserito per evitare che la minoranza convocasse una pubblica assemblea, dove tutti i cittadini potessero parlare e manifestare le loro legittime preoccupazioni, non fosse altro che in via precauzionale, l’ufficio di presidenza del consiglio comunale è stato costretto ad aggiungere , 24 ore dopo la prima notifica della convocazione del consiglio stesso, una seconda notifica con l’aggiunta del decimo punto all’o.d.g recante, a loro dire, la “convalida” di una delibera di giunta di variazione di bilancio in realtà ormai nulla perché decaduta per mancata ratifica davanti al consiglio, nel termine stabilito dal TUEL.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Insoddisfatto e per nulla convinto delle contraddittorie risposte alla domanda posta sul punto all’assessore al bilancio e delle vaghe informazioni rese dalla segretaria comunale interrogata al riguardo, il capogruppo di Siderno2030 ha chiesto di allegare al verbale della seduta consiliare la seguente dichiarazione che è stata sottoscritta anche dall’altro gruppo di minoranza La Nostra Missione.

“Premesso che, ai sensi dell’articolo 175, comma 4, del Decreto Legislativo 18.08.2000, n. 267 le variazioni adottate dalla Giunta in via d’urgenza devono essere ratificate, a pena di decadenza, dal Consiglio Comunale entro e non oltre i successivi sessanta (60) giorni;
la variazione al bilancio apportata con la citata deliberazione della Giunta comunale n. 83 del 18/04/2024 non è stata sottoposta alla prescritta ratifica entro i termini stabiliti dalla normativa in precedenza citata.

Tanto premesso, la succitata delibera è da considerarsi decaduta a tutti gli effetti anche perché, non avendo prodotto alcun impegno di spesa, la stessa non può essere sanata mediante il ricorso al comma 5 dell’art. 175 del TUEL che prevede la possibilità di adottare provvedimenti nei successivi 30 giorni solo nei riguardi dei rapporti eventualmente sorti sulla base della deliberazione non ratificata, nella fattispecie assenti.

Pertanto, al fine di garantire la regolarità formale e giuridica dell’atto da sottoporre al Consiglio Comunale per la sua approvazione, si chiede l’adozione di una nuova delibera, recante la stessa variazione di bilancio, che potrà essere adottata direttamente dal Consiglio Comunale o, in alternativa, dall’Organo esecutivo e che, in tale ipotesi, dovrà essere ratificata entro e non oltre i successivi 60 giorni.”

Nonostante tutto il Consiglio Comunale di Siderno ha approvato.

Siderno 2030

Print Friendly, PDF & Email