Ven. Lug 19th, 2024

Il capogruppo di Forza Italia risponde alle critiche del M5S sulla gestione del turismo regionale.

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

«Mistificazione della realtà». Così Michele Comito, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Calabria, risponde alle critiche di Davide Tavernise, capogruppo del M5S. «Attaccare il presidente Occhiuto utilizzando i dati sulle presenze turistiche in Calabria tra il 2019 e il 2023 è una mistificazione della realtà. Mentire, insomma, sapendo di mentire. Ricordiamo al capogruppo regionale M5S, Davide Tavernise – che oggi si è affannato ad analizzare il dossier Istat sull’andamento turistico in Italia – che l’attuale presidente della Regione è in carica dalla fine del 2021, per cui non si capisce bene quale ruolo mai potrebbe aver esercitato nei due anni antecedenti alla sua elezione alla guida della Calabria», afferma Comito.

Comito sottolinea che, semmai, i dati dimostrano il contrario delle affermazioni di Tavernise. «La variazione percentuale delle presenze turistiche in Calabria dal 2022 (primo anno interamente a guida Occhiuto) al 2023 vede un ottimo +7,1% (la performance migliore di tutte le regioni meridionali, fatta eccezione per la Campania). Questo sì che è un dato interamente ascrivibile alla giunta Occhiuto e alle capacità, all’enorme impegno, ai molteplici investimenti che è riuscito a realizzare il presidente già nel suo primo anno in Regione, pur avendo ereditato una situazione difficile e deficitaria su molti fronti».

«Per non parlare del lavoro fatto e attualmente in corso», continua Comito, «per promuovere l’immagine della Calabria, per attrarre nuove rotte aeree e importanti investitori, per migliorare la connettività e la logistica a beneficio dell’intero comparto turistico regionale e, soprattutto, dei calabresi».

Secondo Comito, «va bene la dialettica politica, ma svilire il ruolo nobile di opposizione con clamorose gaffe – come fatto oggi da Tavernise – non solo non è utile ma è uno spettacolo di cui i calabresi farebbero volentieri a meno».

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com